Articoli

matrimonio religioso

Gli abbiamo detto Sì, abbiamo già creato la bacheca Pinterest con le #weddinginsipirations boards, fissato appuntamento con il primo atelier e presto( dopo le feste ) inizieremo con la ricerca della location. Tutto sotto controllo!

Giusto?

Ni

Se potessi mettere i puntini sulle i e se tu fossi una mia sposa ti direi “fuochino”…

Il secondo passo assoluto è ricercare la location della cerimonia e/o del ricevimento,  scegliere la data e confermare. In questo modo anche se vi fermerete qualche mese prima di ricominciare con l’organizzazione del matrimonio, sarete già al 50% e non dovrete ripartire da zero per indisponiblità ( con appuntamenti, permessi di lavoro, spostamenti in auto e Domeniche impegnate).

E il primo? Il budget.

Prima di qualunque ricerca o scelta è indispensabile decidere con quale budget si vuole organizzare il matrimonio.  Sì perché organizzare le nozze è come acquistare l’auto. Andresti mai in cerca di un’auto senza darti almeno una cifra indicativa massima da investire? Beh io l’ho appena fatto, ho acquistato ad Aprile l’auto nuova e mi sono tenuta ben alla larga dai concessionari Range Rover ( il mio sogno..) per non farmi deridere o per non uscire con solo 4 ruote ( tutto quello che avrei acquistato con il mio budget). Avere in testa il mio budget, la cifra precisa, mi ha aiutato moltissimo facendomi, consapevolmente o meno, scegliere fra modelli ed opportunità arrivando addirittura a trovare un’auto bellissima ( per me) ad un ottimo prezzo!. Lo chiamano potere della mente, che funziona sempre!

Come creare il budget

  1. acquistare una bella agenda colorata,  perchè per organizzare il matrimonio è di rigore la vecchia e dolce agenda con pagine bianche e da riempire con appunti, note, schemi, link, biglietti da visita
  2. Scrivere la cifra già eventualmente accantonata per il matrimonio + cifra approssimativa ma attendibile in regalo dai familiari più stretti + cifra attendibile prossimi risparmi fino alla data evento = budget a disposizione per il matrimonio.
  3.  Se desiderate fare il Viaggio di Nozze ( ovviamente!!!) considerate i regali degli invitati a copertura dello stesso.

Creato il budget occorre utilizzarlo in modo corretto per evitare sprechi o spiacevoli contrattempi.

Come utilizzare il budget

Di seguito trovi il link ad una mia video/intervista radio dove spiego con una semplice regola matematica come utilizzare il budget, evitare sorprese e litigi inutili.

  • 45% dell’intero budget ( escluso viaggio di nozze) è destinato alla location del ricevimento ( menu e affitto)
  • 20% dell’intero budget ( escluso vdn)  è destinato al look sposa e sposo ( abito, trucco e parrucco, accessori, scarpe, intimo);
  • il restante 35% è da suddividere tra fotografia/video, allestimenti floreali, partecipazioni e grafica, bomboniere o cadeaux, musica e intrattenimento, animazione bimbi.

Per sciogliere ogni dubbio entro nel dettaglio con un esempio pratico:

Budget a disposizione €20.000,00.

Ristorante €9.000,00 ( da suddividere per il numero dei commensali )

Sposa e Sposo €4.000,00

Restano €7.000,00 per fotografia ( 2000).  musica cerimonia e ricevimento  (1500) – fiori e decorazioni e costo cerimonia  (2000)  bomboniere e partecipazioni ( 1000 ) – tableau, guest book, bolle di sapone, cake topper  tutte quelle piccolisime spese on line (500).

Ho volutamente tralasciato diverse voci tipiche che, per questo budget consiglio di evitare,  concentrandosi  sull’effetto wow e su quello che realmente resterà come ricordo della giornata. Clicca sul link per ascoltare l’intervista, dura pochissimo!

intervista a grace

Intervista wedding designer

 

Ringrazio #radiolombardia per la piacevole intervista e per ogni dubbio o consiglio relativo al budget scrivimi pure a:

info@graceevent.net.

Grace Mariagrazia Tarantino

wedding designer

Future sposine,

oggi parliamo di cerimonia civile, la modalità celebrativa più utilizzata in questi ultimi anni sia da giovani coppie che da famiglie, amata per la semplicità organizzativa (soprattutto nelle tempistiche!) e anche per la possibilità che offre di personalizzare la cerimonia e renderla più vicina ai propri gusti. In questo post vi elencherò tre ingredienti molto semplici che vi aiuteranno a rendere unica e speciale la vostra cerimonia civile:

-Primo ingrediente in assoluto, la location:

Direi, al bando gli uffici comunali! E parlo soprattutto dei piccoli comuni, dove generalmente queste sale vengono usate per le assemblee , e dove  troviamo  arredi come le sedie business, il tavolone, qulche bandiera e pareti  con quadri istituzionali. Utilizzate eventualmente questa location solo per recarvi la mattina ad apporre le firme davanti al Sindaco o all’Assessore, solamente voi sposi con i Testimoni,  senza invitati.

Quale location utilizzare allora? Se vi sposate in un periodo primaverile-estivo, ovviamente il consiglio è quello di optare per  location “en plein air”, ovvero dove è possibile svolgere una celebrazione all’aperto, e  nelle quali sia possibile effettuare il rito civile con valore legale. Quindi, per prima cosa, assicuratevi che si tratti di una casa comunale e che il rito sia svolto da un Sindaco o da un Assessore, e anche a quanto ammontino le spese di gestione della pratica. Con una location di questo tipo, sicuramente unite l’utile al dilettevole, poiché avrete un rito unico da organizzare, al termine del quale la documentazione renderà il vostro “sì” assolutamente legale; il tutto in una cornice esteticamente ben apprezzabile, che sia  all’interno di un parco, o di in un giardino privato  con piscina o  all’italiana. La scelta poi dipende ovviamente dai vostri gusti! Generalmente, si tratta di  location dove è possibile effettuare il ricevimento, sia che si tratti di un pranzo che di una cena. In questo modo, aggiungete due vantaggi all’organizzazione della vostra giornata: primo, da un punto di vista economico non ci saranno più due location da gestire, bensì una sola; secondo, sarà più comodo anche per i vostri invitati, che avranno il vantaggio di dover raggiungere una sola location.

Altra possibile tipologia di location è quella delle case comunali, ville (o sale all’interno di queste) messe a disposizione da alcuni comuni, dove non solo è possibile svolgere il rito, ma che si presentano anche   esteticamente molto belle: sale affrescate , dipinti, statue. Ovviamente hanno dei costi più alti rispetto ai soli costi di legalizzazione del rito (ovvero della sola creazione dei documenti da parte del comune) perché includeranno anche l’affitto della location. Ma, d’altronde, il risultato sarà molto diverso, e anche qui potrete allestire con fiori, personalizzazioni grafiche (dei libretti per la cerimonia, ad esempio) il vostro rituale, ed avere un effetto davvero meraviglioso!

-Secondo ingrediente  è la musica:

Molto spesso, nell’organizzazione del matrimonio con rito civile, gli sposi si dimenticano di questo particolare, perché viene generalmente associato alle cerimonie religiose. Al contrario, la musica è un elemento molto importante per la personalizzazione e l’aspetto emotivo del rito. Ricordiamo quindi che è indispensabile avere la musica per l’ingresso dello sposo  e  successivamente, per la sposa (se decidete di fare gli ingressi separati). In genere sono musiche di cui la prima rappresenta lo spirito dello sposo, mentre la seconda è la classica Marcia nuziale, che può essere quella di Wagner o di Mendelssohn,  ovvero le classiche  utilizzate in Chiesa; anche perché, ricordiamolo, il giorno del proprio matrimonio è l’unica occasione in cui poterle usare! Invece, nel caso in cui decidiate di fare l’ingresso insieme entrando mano nella mano, sposa e sposo, magari con al seguito o al fianco i figli, vi consiglio una musica che rappresenti la vostra storia, il vostro percorso, qualcosa che identifichi la vostra coppia e vi contraddistingua dal resto. Un’altro brano musicale  da scegliere sarà quello per l’uscita, il momento in cui lasciate la sala (o ripercorrete l’allée se siete all’aperto); e, infine, un brano per lo scambio degli anelli. Affidatevi al cuore, scegliete le canzoni che sentite  “vostre”.  Nel caso di estrema indecisione, potete anche cercare qualche spunto su internet: su Youtube, ad esempio, troverete tutta una serie di playlist con le migliori canzoni da cerimonia per entrata, uscita e scambio degli anelli.. queste  sono sicuramente i tre brani ufficiali necessari di cui non dimenticarsi!

 

-Dopodiché potrete personalizzare la cerimonia con il terzo ingrediente: i rituali. I rituali sono i momenti caratteristici che veramente possono rendere unica la cerimonia con rito civile: qui non abbiamo infatti regole religiose o di bon ton da dover seguire, a parte naturalmente l’educazione, che è quell’elemento che in un matrimonio si richiede sempre, sia agli sposi che soprattutto agli invitati.Utilizziamo allora questa carta bianca al meglio! In genere, i rituali più comuni che si possono utilizzare durante un rito civile sono: le letture, che di solito sono due (in momenti diversi, una poco prima del rito e una dopo) e che possono essere fatte o dagli stessi sposi, oppure dai Testimoni o amici, da persone insomma che abbiano voglia di lasciare un segno in questo momento così importante. Altri riti sono, ad esempio, quello della luce, della sabbia e dei nastri. Sono dei rituali che potrete trovare ben descritti in quei siti dei Cerimonieri dove vi spiegano le modalità e i significati di questi gesti, e da cui potrete prendere spunto. Sono tutti dei rituali molto intimi, che coinvolgono (e tengono svegli!) gli invitati, perché implicano emotivamente tutti, lasciando un ricordo  indelebile e per cui li consiglio vivamente. Il più romantico è sicuramente il rito della luce, e molto particolare è anche quello de nastri, nel quale gli invitati (di solito i Testimoni) legano con un nastro i polsi degli sposi uno all’altro, esprimendo un augurio per il futuro.

Oltre a questi tre elementi, in quanto Wedding Designer, vi devo aggiungere un quarto elemento (che per me sarebbe il numero uno, ma che sono costretta a mettere in quarta posizione perché legato al vostro budget generale). Mi sto riferendo ovviamente ai fiori, elementi immancabili in un matrimonio: in primis, il bouquet della sposa e il fiore all’occhiello dello sposo, che sono due segni particolari che resteranno per sempre nelle vostre fotografiee nei vostri cuori. Non sono protagonisti, ma degli alleati in quel giorno: una sposa non può restare senza bouquet, perché a differenza dello sposo, non può mettere le mani in tasca, e quindi per lei questo mazzo di fiori (che per parte del ricevimento potrebbe sembrare un peso) sarà veramente il suo migliore amico, soprattutto nella fase iniziale della cerimonia; detto tra noi, vi servirà anche per camuffare l’emozione e per dare colore e vivacità a quei tratti del viso magari inizialmente un po’ tesi per l’emozione. Quindi, non trascurate l’elemento fiori; non è necessario fare grandi investimenti per avere allestimenti floreali esagerati, ma non possono mancare, perché i fiori danno una connotazione molto più naturale, romantica e vivace al vostro matrimonio. E, soprattutto, se seguite il mio consiglio di scegliere una location dove sia possibile celebrare sia il rito che il ricevimento, potrete riutilizzate gli allestimenti nel corso del ricevimento sfruttando al massimo il vostro budget!

 

Se poi pensate di utilizzare elementi decorativi alternativi, ad esempio dei fiori di carta o di tessuto, o degli oggetti, fatelo pure ma abbinateli sempre ai fiori naturali, non usate le alternative in sostituzione totale dei fiori freschi.

Una postilla doverosa riguarda i matrimoni invernali: nel primo punto, vi consigliavo quali location scegliere soprattutto nel periodo primaverile-estivo. Per quanto riguarda i mesi più freddi, vale nella scelta della location la seconda opzione, quindi l’affitto delle sale comunali particolari messe a disposizione all’interno di ville d’epoca, oppure quelle location gestite da catering o direttamente da ristoranti dove è possibile svolgere sia cerimonia che ricevimento al chiuso. In questo modo, ottimizzerete al massimo il budget e le tempistiche della giornata!

Resto a vostra completa disposizione per ogni consiglio e idea per l’organizzazione del vostro matrimonio, direttamente qui, nel mio sito graceeventworld.com, via mail a info@graceevent.net o anche su whatsapp al 3926194450. Felice evento!

La Grace

Uno degli strumenti principali per un wedding planner è il book fornitori, che consiste in un “catalogo” personalizzato contenente la lista di tutti i fornitori di fiducia da suggerire agli sposi per l’organizzazione del loro matrimonio.

La composizione del book fornitori avviene nel momento in cui, aperta la propria attività, si sono riusciti a definire stile, tipologia di servizi da proporre e target di clienti ai quali ci si vuole rivolgere. Una volta stabiliti questi punti si parte con la ricerca, che può avvenire tramite diversi mezzi, come internet, passa parola o le fiere di settore.

I fornitori “standard” sono di solito location, fotografi e video operatori, atelier per abiti da sposa e da sposo, fioristi, grafici, musicisti, pasticcerie o cake designer, catering e baqueting. Il book dovrà essere suddiviso a seconda di queste categorie, e per ogni categoria è consigliabile inserire tre fornitori, abbastanza diversi tra loro così da poter offrire una più ampia possibilità di scelta.

La selezione dei fornitori deve avvenire secondo quattro punti fondamentali:

  1. Stile
  2. Budget
  3. Feeling
  4. Modalità di lavoro

Ognuno di questi punti è meglio che sia accertato e verificato tramite un incontro conoscitivo, soprattutto se la loro sede è nelle vicinanze!

Qualora si desideri rendere ufficiale la propria collaborazione, potrete ispirarvi all’esempio di contratto per fornitori e collaboratori, contenuto negli utili e pratici kit modulistica firmati #iosonoweddingplanner! Li trovate qui 😉

Per dubbi o info aggiuntive, non esitate a contattarmi!

Desirée – wedding planner

wedding@graceevent.net

 

 

Fonte immagini: Pinterest

Catering o banqueting? È questo il dilemma! Ma come risolverlo?

Ebbene, prima di tutto è importante comprendere di cosa si stia effettivamente parlando. La decisione tra catering e banqueting si presenta nel momento in cui, scegliendo una struttura per il ricevimento, essa non dispone di ristorazione o cucina interna. Solitamente si tratta di castelli, ville o dimore antiche, in quanto, al momento della loro costruzione, non era previsto che diventassero  location per matrimoni!

Pertanto ci si deve affidare a uno dei due servizi, che, sebbene siano spesso intesi come sinonimi, presentano delle rilevanti differenze. Catering deriva dall’inglese “to cater”, letteralmente provvedere al cibo. Ciò significa che il catering si occupa generalmente della semplice fornitura di bevande e cibo già precotto.

Banqueting, da “to banque”, significa invece banchettare. Non si tratta quindi solo delle portate, bensì di tutto ciò che riguarda il ricevimento, compresi gli allestimenti e il servizio di sala. I piatti vengono inoltre preparati e serviti sul posto, con attrezzatura fornita dall’azienda stessa. C’è però da tenere conto che un numero di prestazioni maggiore equivale anche a un prezzo maggiore, fondamentale da considerare nel momento in cui si deve rispettare un determinato budget.

Quindi cosa scegliere? In primo luogo, considerate i servizi e le attrezzature già forniti dalla location, come allestimenti, tavoli, tovagliato, cucina attrezzata, ecc. In secondo luogo, assicuratevi che l’azienda a cui vi state rivolgendo sopperisca a tutto ciò che invece manca, trovando quindi il giusto punto in comune.

Terzo, portate con voi la scheda catering firmata #iosonoweddingplanner! La trovate qui, nei pratici kit modulistica, contenenti materiale e documenti validi per la pianificazione delle nozze 😉

Non perdeteveli!

Desirée – wedding planner

wedding@graceevent.net

 

 

Fonte immagini: Pinterest

Nel momento in cui si organizza un matrimonio, la scelta della location è tra le decisioni più importanti e forse tra le più difficili. È necessario infatti saper calibrare molteplici fattori, senza che nessuno prevalga sull’altro.

Ma quali sono i requisiti principali da valutare per la ricerca della location? Onde evitare di ritrovarvi a zonzo nella natura selvaggia (e con sempre meno benzina), assicuratevi di chiarire questi quattro elementi, ognuno dei quali vi aiuterà a restringere il campo:

-stagione

-stile del matrimonio

-numero e tipologia dai invitati

-budget.

La stagione vi permetterà di capire indicativamente se potervi orientare per una location all’aperto o se dovete per forza di cose optare per una al chiuso. In ogni caso, ricordatevi che il meteo è imprevedibile ed è sempre necessario un piano B altrettanto valido!

Lo stile del matrimonio sarà una linea guida per definire anche lo stile della location e, di conseguenza, lo “stile” del menù.  Per un matrimonio country è consigliabile evitare portate raffinate e ricercate, meglio optare per strutture più rustiche, come una cascina o un agriturismo, che offrano un menù meno formale ma non per questo meno gustoso!

Il numero degli invitati definisce la capienza minima necessaria, mentre il target aiuta a stabilire i servizi strettamente necessari ed eventuali optional: se i vostri ospiti sono per la maggior parte adulti o anziani, il dj fino a tarda notte è superfluo! Così come è poco adatto proporre un  menù a buffet che li costringa a stare in piedi troppo a lungo.

Last but not least, il budget! Tenete sempre presente che per la location è consigliabile investire il 40% dell’intero budget precedentemente prefissato. Ne consegue che, con un budget basso, è meglio evitare castelli e ville ottocentesche! Anche perché, più che delle nozze in una location super lussuosa, ma gestita male, sono di gran lunga preferibili (e più apprezzate!) delle nozze in una struttura magari più modesta, ma curata in ogni minimo dettaglio!

Desirée – wedding planner

wedding@graceevent.net

Se siete una coppia che sta organizzando il proprio matrimonio, o delle aspiranti wedding planner in cerca di materiale e documenti validi per la pianificazione delle nozze, non potete perdervi i KIT MODULISTICA firmati #iosonoweddingplanner. Li trovate qui.

 

Fonte immagini: Pinterest

 

 

Quando una coppia si racconta davvero, senza schermi e  senza filtri, orgogliosa dell’amore che li unisce e  delle difficoltà superate per restare insieme,  per un wedding  designer  diventa un punto d’onore creare qualcosa di veramente  unico e speciale . Non solo per rendere omaggio all’Amore vero ( che di per se è già così raro e bellissimo da rivedere ogni tanto….) ma per riuscire a raccontare con le giuste proporzioni emotive un storia vera e imperfetta nella sua perfezione.

Si puo’ raccontare una storia, ma l’Amore come lo racconti? Puoi solo dimostrarlo.

Ho deciso di creare un percorso emozionale semplice come i due giovani, romantico come Elisa di origini francesi, (si circonda di tutto ciò che è in perfetto stile shabby) e almeno un po’ pragmatico come il temerario  Ing. Christian. 😉 Sì temerario perchè,   ha attraversato mezza Europa portandosi le sue disabilità e tutta la voglia di vivere solo con la sua dolce Elisa.

Nasce così, grazie a loro, la linea Gracee Shabby,  con carte perlate e  rose per raccontare l’amore, legno per scaldare il cuore, e una wedding invitation  box per consegnare l’annuncio più prezioso: il loro Sì. Li sposerà un vecchio amico di famiglia, che per l’occasione, mi ha regalato un piccolo tronchetto di legno, ricavato da un legno tagliato nel bosco dove E e C si sono incontrati durante un corso di riabilitazione motoria. Lui Enrico si occupa proprio di questo e con gli occhi lucidi mi ha donato questo prezioso oggetto dicendomi “usalo per qualcosa di importante”.

Ecco  l’ho trasformato nel loro porta fedi ( tranquilli lo hanno già visto). Si  scambieranno  le promesse proprio in quel bosco lontano da tutti solo con pochissimi amici, quelli veri, che li amano così come sono. Senza false ipocrisie.  Il mio cuore sarà lì con loro.

Il giorno della consegna delle partecipazioni che desiderano portare uno ad uno ai loro amici hanno ricevuto anche la mia sorpresa:  la wedding invitation box. Consegneranno la partecipazione e un’ accurata selezione di confetti a tema senza portarsi dietro mille  sacchetti o scatoline. La WIB contiene infatti tutte le partecipazioni previste per le consegne/appuntamenti di quel giorno e fino a 2 kg. di confetti. E&C hanno scelto la mandorla classica, ma di mandorla finissima e il Mix Gracee con 5 gusti diversi di frutta disidratata ( fragola, ananas, mirtillo, cocco,  cherry ). Un cucchiaino legato con un nastro di raso  aiuterà gli amici a degustare queste delizie!

La prima parte del progetto è la più semplice, forse, quella di più facile ideazione…quindi il meglio deve ancora arrivare ( come si dice solitamente). Se vi va io sarò felice di raccontarvela con tutte le dovute precauzioni. Vi lascio alle immagini delle partecipazioni,  della wedding invitation box  e del portafedi.

Grace

 

 

 

 

Manca pochissimo a Natale e non vogliamo perderci l’occasione di ringraziarVi tutti, ma proprio tutti per le grandi Emozioni che ci avete donato in questo meraviglioso 2017!

Cosi’ oggi Desirée e io scriviamo questo post a 4 mani per condividere con voi i preziosi ricordi che 50 #matrimoni ci hanno lasciato nel cuore.

Il #Natale in fondo è il momento giusto per fermarsi e riflettere su tutto quello che abbiamo imparato e ricevuto dai nostri clienti, collaboratori e da tutte le persone che abbiamo incontrato personalmente o professionalmente.

Tutti gli uomini che conosco sono piu’ bravi di me in qualcosa. E in questo campo, imparo da loro” Emerson

Arrivare al cuore delle spose, degli sposi e dei loro inviati non è mai facile, richiede preparazione dedizione e sacrificio. Lavorare duramente per molte ore con il caldo o con il freddo e sempre con il sorriso e un unico obiettivo: la perfezione. Perchè niente di meno della perfezione è richiesto nel giorno più importante per una coppia. Nessuna scusa, nessun contrattempo, nessun pensiero negativo possono avere il sopravvento durante un wedding day.

E ogni  wedding day non è mai uguale al precedente o al successivo.Questo è il nostro lavoro.

In compenso riceviamo delle emozioni davvero speciali ed uniche! I vostri “Grazie”, ” Vi ricorderemo con affetto”, ” è stato tutto perfetto”, i vostri sorrisi, i vostri abbracci, i vostri selfie con noi, sono tutti incisi nel nostro cuore. Sono il motore e la benzina delle nostre giornate. Sono il “perché” siamo wedding planner.

Il primo grazie lo devo alla persona che mi ha permesso di iniziare questa splendida esperienza: Grace. Una wedding planner, ma prima di tutto una Donna, da prendere come esempio per la sua professionalità, passione e umanità. Sei stata la mia guida e ancora più importante la mia compagna di (dis)avventure, deliri, esaurimenti, ma soprattutto grandi soddisfazioni. Grazie a tutti i matrimoni e agli sposi che mi hanno permesso di portare avanti il mio sogno, di sperimentare, sbagliare, imparare. Grazie anche a chi magari non mi ha capita o chi mi ha messo in difficoltà, perché mi ha fatto testare i miei limiti e spesso anche dato gli spunti giusti per superarli. Grazie a chi invece ci è sempre stato e so ci sarà sempre, perché solo grazie a voi sono quella che sono ed è per voi che ogni giorno mi impegno per essere migliore. Grazie a tutte le persone con cui ho avuto modo di collaborare, per un pomeriggio o per intere giornate, perché mi avete insegnato l’importanza di lavorare insieme, rispettandosi e sostenendosi l’un l’altro. Un anno sta per concludersi, e posso affermare con assoluta certezza che è stato tra i più ricchi e soddisfacenti della mia vita. Quindi ancora grazie e tanti tantissimi auguri. Con affetto,

Desirée

Grazie al mio meraviglioso  team per la professionalità,  dedizione  e la pazienza dimostrata. Tante, tante ore di lavoro in armonia e serenità, con un continuo reciproco supporto. Grazie alle nostre spose, splendide e radiose e anche quelle meno serene e sempre molto emozionate. Avete lasciato tutte un segno particolare nella mia vita professionale. Grazie a chi continua a seguirmi con affetto e dimostra fiducia e comprensione nel  il mio amore assoluto per il mio lavoro. Grazie a te Desirée perchè quest’anno con la tua giovane voglia di emergere mi hai riacceso di entusiasmo e positività.  Grazie alla mia famiglia per il sostegno morale, la pazienza dimostrata durante le mie assenze fisiche e “mentali”, quando sono lì con voi fisicamente ma la mia mente ricerca nuove idee e strategie per migliorare il servizio o il prodotto. Auguro a tutti voi di trascorrere le feste serene, come più desiderate e soprattutto con chi amate. Vi abbraccio forte,

Grace.

In qualunque momento ti trovi adesso, se anche per qualche istante hai pensato al Battesimo, inizia adesso con i preparativi.

Sei ancora in attesa del lieto evento e non sai  nè quando e come sarà il tuo dolce tesoro? Chiudi gli occhi  e immaginalo con gli “occhi” del tuo cuore. Noi mamme lo vediamo sempre anche prima di nascere, magari è un’ immagine sfuocata ma nel cuore sappiamo  come sarà…..Guardati mentre lo annunci con gioia, al mondo intero:

Mio figlia/o è nata/o!

New born! Il piccolo è nato e non sai ancora quando e come organizzare il battesimo?

Scarica sul tuo smartphone l’ info grafica quì sotto. Tienila e con te fino al giorno del Battesimo. Crea una cartella con le immagini che raccoglierai su Pinterest  per iniziare a organizzare e progettare uno dei giorni più belli della storia della tua famiglia:

Il Battesimo

Ancora prima di scegliere la data,  e il luogo del ricevimento fatti coinvolgere dalla fantasia. Immagina il carattere, il sorriso di tuo figlio e  come vorrebbe comunicare  il suo ingresso nel mondo. Quali colori, quali elementi preferiti. Un teddy o un coniglietto? Un’ automobilina o un ufetto spaziale? Un piccolo cucciolo domestico od un gustossimo dolcetto?.

L’annuncio e il ricordo che lascerai ai  tuoi invitati e il look che indosserete tutti voi, saranno il primo biglietto da visita di tuo figlio.

Prenditi tutto il tempo per decidere passo dopo  passo con calma e serenità, perchè mai come in questo momento il tuo tempo è prezioso e fondamentale per la crescita del tuo cucciolo. Non affidarti solo alle tue energie per tutto perchè rischierai di innervosirti e trasmettere ansia al bebè. Altro consiglio importante è non delegare molte azioni a chi ti circonda perchè i parenti più stretti presi dall’emozione spesso scorderanno gli impegni; le amiche giovani senza figli non “troveranno il tempo” e quelle con prole vivono i tuoi stessi contrattempi! Affidati ad una professionista seria e preparata per la realizzazione di decorazioni, bomboniere, annunci e candy station.

Tu concentrati sul vostro look, la scelta del menu,  del luogo, della madrina e del padrino!

 

Tieni con te questa grafica semplicissima e inizia adesso!!  Ti prometto che ti sosterrò con altri post dedicati al Battesimo, con idee per il party, i confetti, le bomboneire per lasciare una prima impronta importante!!

Se desideri ricevere informazioni personalizzate scrivimi a info@graceevent.net

 

Leggi su Facebook le recensioni di chi si è affidato a noi per il Battesimo .

Ciao!

Mariagrazia – event creator

Chi non ha sognato almeno una volta di organizzare un matrimonio in riva la mare, con la sabbia sotto i piedi?Una scelta must 2017/2018.

Il matrimonio in riva al mare è un sogno da realizzare con cura ed attenzione particolari, perchè riserva un gran numero di sorprese!

Innanzitutto dobbiamo prendere in considerazione la location giusta: di facile accesso dalla strada, dotata di parcheggio esclusivo risevato al matrimonio, munita di toilettes accessibili da subito e rifornite con tutto l’occorrente ( salviettine imbevute a stock!)

L’orario migliore per la  cerimonia, se il matrimonio si svolge in un caldo giorno estivo è il tardo pomeriggio, in prossimità del tramonto. Quando parte della spiaggia è all’ombra e ancora non si è alzato troppo vento. L’allestimento dell’arco/struttura della cerimonia deve essere ben ancorato alla spiaggia con pesi o in profondità. Se la zona è particolarmente ventosa meglio evitare tendaggi o strutture  leggere e preferire archi di legno ancorati alla sabbia. Sedioline di legno bianche o colorate per tutti gli ospiti e un rito festoso, gioioso con un  programma breve non superiore ai 30 minuti( musiche comprese). La scelta dell’allèe dipende dalla sposa, se preferisce uno stile boho  puo’ fare il suo ingresso a  piedi nudi; oppure si crea una passerella in legno per permetterle l’utilizzo dei sandali.

Bolle di sapone e petali rigorosamente freschi ( divieto assoluto di coriandoli e petali artificiali ) per i festeggiamenti e poi via a fotografie con gli invitati prima del tramonto del sole.

 

Attenzione  agli insetti! Evitare di esporre cibo e pietanze durante il tramonto. Preparare dei cestini con spray anti zanzare opportunamente dislocati alle toilettes o in prossimità della cerimonia, vicino alle ciabattine infradito!

Aperitivo e cena quindi solo dopo il tramonto! Tavoli rotondi, rettangolari, tavolini bassi con  cuscini a ma solo per il buffet iniziale. Consiglio la spiaggia per i festeggiamenti del welcome o del taglio torta e il consumo della cena in una area interna della location, al riparo da zanzare, insetti ed eccessivo vento. Tutti amano la natura… tranne quando si cena!Poche invitate al ricevimento ben accettano la mosca che vola sul loro piatto, anche ai tropici.

Colori eterei sono il Must  2017/2018 anche al mare: sabbia e crema; avorio  e rosa  nuvola; gold pink e soft blue.

Candele in vasi di marmellata o lanterne di legno, preferibilmente realizzate con i bastoncini tipici del mare.

Look sposa? Abito stile boho in pizzo macramè o stile impero in chiffon con lunghi nastri colorati e svolazzanti; laccetti e cavigliere per la cerimonia e sandali scintillanti per la cena.

 

Sposo elegantissimo in abito di lino color corda o azzurro con cambio camicia: in cotone con cravatta per cerimonia e in lino, molto fresca per il ricevimento.

Ultimo piccolissimo consiglio: bomboniere al tavolo, per evitare la distribuzione dopo cena e wedding cake dolcissima…

E infine…creatività, creatività, creatività…..buon lavoro e felice evento!

Mariagrazia Tarantino

 

Salva

Organizzare il giorno del matrimonio è come scrivere la sceneggiatura di un film,  dove tutti gli attori hanno un ruolo preciso e seguono il copione supportati dal regista : il wedding planner.

La wedding timeline è dunque la scaletta del film scritta e diretta dall’organizzatore del matrimonio.

Prima di stendere la timeline definitiva si preparano 2 liste fondamentali:

  • lista movimenti e servizi fornitori
  • lista movimenti sposi e ospiti

La prima è l’elenco dettagliato di ogni  singolo servizio fornito da professionisti e collaboratori completo di: nome del fornitore, luogo di esecuzione, tempo di realizzazione, orario di inizio e orario termine, tempo di percorrenza dalla sede alla destinazione. Di seguito un esempio molto semplice di tabella fornitori.

In questo  esempio  la cerimonia  inizia alle ore 11:00, il fiorista deve partire dalla sede alle ore 08:30, per arrivare in Chiesa alle 09:00 e terminare l’allestimento entro le 10:00.

Ogni scheda va rilasciata in copia al fornitore completa di:
– tutti gli indirizzi di competenza ( casa sposa, chiesa, ricevimento….);
– gli orari tassativi ( cerimonia, inizio buffet, consegna bouquet…);
–  nomi e contatti telefonici  dei  responsabili delle varie locations;
– indicazioni stradali, parcheggi ed eventuali regole di carico e scarico…;
Nella scheda vanno inseriti anche i collaboratori del proprio staff.
 
La seconda, la tabella sposi, è l’elenco in ordine cronologico di tutte le attività dedicate e di competenza degli sposi.
Alcuni esempi:
  1. trucco e parrucco sposa e seguito: dove e quando arrivano truccatrice e parrucchiere; orario vestizione e arrivo fotografo per foto backstage e preparazione.
  2. sorpresa sposo: ore….lo sposo vule consegnare personalmente il bouquet alla sposa…
  3. damigelle e testimoni: ore…..arrivo previsto e richiesto in Chiesa, consegna boutonnieres, bouquets e libretti messa.
 
Compilate queste due schede, si procede con la stesura della vera Wedding Timeline che non è altro che la somma di entrambe le tabelle, disposta in ordine cronologico.
  • orario di riferimento ( inizio servizio o azione : allestimento fiori o arrivo sposa chiesa );
  • nome del fornitore o attore ( sposo, sposa,testimone,staff,wp…);
  • tipo di servizio ;
  • luogo;
  • note utili ( rif.ti, contatti, tassativi..)
Per essere certa di creare una perfetta time-line non dimenticare di inserire queste tempistiche  indispensabili :
  1. i tempi di esecuzione dei lavori/servizi dei fornitori;
  2. la durata della cerimonia in base al tipo di rito celebrato;
  3. i tempi di preparazione della sposa: si stabiliscono con l’ausilio della parrucchiera e della truccatrice in base al  tipo di lavoro scelto dalla sposa e se oltre ad essa si preparano anche amiche, mamma, sorelle… In ogni caso la sposa deve essere pronta almeno un’ora e mezza prima della cerimonia + tempo di percorrenza verso
  4. orario di inizio buffet calcolato con il responsabile del catering tenendo conto di: durata cerimonia + mezz’ora per firme + mezz’ora per saluti e foto di rito + tempi di percorenza dalla cerimonia al ricevimento;
  5. i tempi di percorrenza da un luogo all’altro: da casa della sposa alla chiesa; dalla chiesa al ristorante….;
Con la timeline in cartellina o nel tablet potrai svolgere un wedding day coordinator con efficenza e puntualità; ricordati pero’ che un ottimo regista sa trasformare i tempi vuoti in opportunità e risolvere i contrattempi con soluzioni istantanee. La capacità di problem solving, tipica di un wedding planner l’acquisisci con la pratica e l’esperienza ma devi soprattutto migliorala con lo studio e la tecnica.
 
Ho preparato per te una scheda Timeline completa che puoi scaricare, copiare personalizzare ed integrare come preferisci ; se desideri riceverla scrivimi qui:

Richiedi Timeline gratuita

Sempre al tuo fianco, Io sono wedding planner.

Mariagrazia Tarantino

wedding planner

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva