, , , ,

3 ingredienti per organizzare una cerimonia civile emozionante e personalizzata

Future sposine,

oggi parliamo di cerimonia civile, la modalità celebrativa più utilizzata in questi ultimi anni sia da giovani coppie che da famiglie, amata per la semplicità organizzativa (soprattutto nelle tempistiche!) e anche per la possibilità che offre di personalizzare la cerimonia e renderla più vicina ai propri gusti. In questo post vi elencherò tre ingredienti molto semplici che vi aiuteranno a rendere unica e speciale la vostra cerimonia civile:

-Primo ingrediente in assoluto, la location:

Direi, al bando gli uffici comunali! E parlo soprattutto dei piccoli comuni, dove generalmente queste sale vengono usate per le assemblee , e dove  troviamo  arredi come le sedie business, il tavolone, qulche bandiera e pareti  con quadri istituzionali. Utilizzate eventualmente questa location solo per recarvi la mattina ad apporre le firme davanti al Sindaco o all’Assessore, solamente voi sposi con i Testimoni,  senza invitati.

Quale location utilizzare allora? Se vi sposate in un periodo primaverile-estivo, ovviamente il consiglio è quello di optare per  location “en plein air”, ovvero dove è possibile svolgere una celebrazione all’aperto, e  nelle quali sia possibile effettuare il rito civile con valore legale. Quindi, per prima cosa, assicuratevi che si tratti di una casa comunale e che il rito sia svolto da un Sindaco o da un Assessore, e anche a quanto ammontino le spese di gestione della pratica. Con una location di questo tipo, sicuramente unite l’utile al dilettevole, poiché avrete un rito unico da organizzare, al termine del quale la documentazione renderà il vostro “sì” assolutamente legale; il tutto in una cornice esteticamente ben apprezzabile, che sia  all’interno di un parco, o di in un giardino privato  con piscina o  all’italiana. La scelta poi dipende ovviamente dai vostri gusti! Generalmente, si tratta di  location dove è possibile effettuare il ricevimento, sia che si tratti di un pranzo che di una cena. In questo modo, aggiungete due vantaggi all’organizzazione della vostra giornata: primo, da un punto di vista economico non ci saranno più due location da gestire, bensì una sola; secondo, sarà più comodo anche per i vostri invitati, che avranno il vantaggio di dover raggiungere una sola location.

Altra possibile tipologia di location è quella delle case comunali, ville (o sale all’interno di queste) messe a disposizione da alcuni comuni, dove non solo è possibile svolgere il rito, ma che si presentano anche   esteticamente molto belle: sale affrescate , dipinti, statue. Ovviamente hanno dei costi più alti rispetto ai soli costi di legalizzazione del rito (ovvero della sola creazione dei documenti da parte del comune) perché includeranno anche l’affitto della location. Ma, d’altronde, il risultato sarà molto diverso, e anche qui potrete allestire con fiori, personalizzazioni grafiche (dei libretti per la cerimonia, ad esempio) il vostro rituale, ed avere un effetto davvero meraviglioso!

-Secondo ingrediente  è la musica:

Molto spesso, nell’organizzazione del matrimonio con rito civile, gli sposi si dimenticano di questo particolare, perché viene generalmente associato alle cerimonie religiose. Al contrario, la musica è un elemento molto importante per la personalizzazione e l’aspetto emotivo del rito. Ricordiamo quindi che è indispensabile avere la musica per l’ingresso dello sposo  e  successivamente, per la sposa (se decidete di fare gli ingressi separati). In genere sono musiche di cui la prima rappresenta lo spirito dello sposo, mentre la seconda è la classica Marcia nuziale, che può essere quella di Wagner o di Mendelssohn,  ovvero le classiche  utilizzate in Chiesa; anche perché, ricordiamolo, il giorno del proprio matrimonio è l’unica occasione in cui poterle usare! Invece, nel caso in cui decidiate di fare l’ingresso insieme entrando mano nella mano, sposa e sposo, magari con al seguito o al fianco i figli, vi consiglio una musica che rappresenti la vostra storia, il vostro percorso, qualcosa che identifichi la vostra coppia e vi contraddistingua dal resto. Un’altro brano musicale  da scegliere sarà quello per l’uscita, il momento in cui lasciate la sala (o ripercorrete l’allée se siete all’aperto); e, infine, un brano per lo scambio degli anelli. Affidatevi al cuore, scegliete le canzoni che sentite  “vostre”.  Nel caso di estrema indecisione, potete anche cercare qualche spunto su internet: su Youtube, ad esempio, troverete tutta una serie di playlist con le migliori canzoni da cerimonia per entrata, uscita e scambio degli anelli.. queste  sono sicuramente i tre brani ufficiali necessari di cui non dimenticarsi!

 

-Dopodiché potrete personalizzare la cerimonia con il terzo ingrediente: i rituali. I rituali sono i momenti caratteristici che veramente possono rendere unica la cerimonia con rito civile: qui non abbiamo infatti regole religiose o di bon ton da dover seguire, a parte naturalmente l’educazione, che è quell’elemento che in un matrimonio si richiede sempre, sia agli sposi che soprattutto agli invitati.Utilizziamo allora questa carta bianca al meglio! In genere, i rituali più comuni che si possono utilizzare durante un rito civile sono: le letture, che di solito sono due (in momenti diversi, una poco prima del rito e una dopo) e che possono essere fatte o dagli stessi sposi, oppure dai Testimoni o amici, da persone insomma che abbiano voglia di lasciare un segno in questo momento così importante. Altri riti sono, ad esempio, quello della luce, della sabbia e dei nastri. Sono dei rituali che potrete trovare ben descritti in quei siti dei Cerimonieri dove vi spiegano le modalità e i significati di questi gesti, e da cui potrete prendere spunto. Sono tutti dei rituali molto intimi, che coinvolgono (e tengono svegli!) gli invitati, perché implicano emotivamente tutti, lasciando un ricordo  indelebile e per cui li consiglio vivamente. Il più romantico è sicuramente il rito della luce, e molto particolare è anche quello de nastri, nel quale gli invitati (di solito i Testimoni) legano con un nastro i polsi degli sposi uno all’altro, esprimendo un augurio per il futuro.

Oltre a questi tre elementi, in quanto Wedding Designer, vi devo aggiungere un quarto elemento (che per me sarebbe il numero uno, ma che sono costretta a mettere in quarta posizione perché legato al vostro budget generale). Mi sto riferendo ovviamente ai fiori, elementi immancabili in un matrimonio: in primis, il bouquet della sposa e il fiore all’occhiello dello sposo, che sono due segni particolari che resteranno per sempre nelle vostre fotografiee nei vostri cuori. Non sono protagonisti, ma degli alleati in quel giorno: una sposa non può restare senza bouquet, perché a differenza dello sposo, non può mettere le mani in tasca, e quindi per lei questo mazzo di fiori (che per parte del ricevimento potrebbe sembrare un peso) sarà veramente il suo migliore amico, soprattutto nella fase iniziale della cerimonia; detto tra noi, vi servirà anche per camuffare l’emozione e per dare colore e vivacità a quei tratti del viso magari inizialmente un po’ tesi per l’emozione. Quindi, non trascurate l’elemento fiori; non è necessario fare grandi investimenti per avere allestimenti floreali esagerati, ma non possono mancare, perché i fiori danno una connotazione molto più naturale, romantica e vivace al vostro matrimonio. E, soprattutto, se seguite il mio consiglio di scegliere una location dove sia possibile celebrare sia il rito che il ricevimento, potrete riutilizzate gli allestimenti nel corso del ricevimento sfruttando al massimo il vostro budget!

 

Se poi pensate di utilizzare elementi decorativi alternativi, ad esempio dei fiori di carta o di tessuto, o degli oggetti, fatelo pure ma abbinateli sempre ai fiori naturali, non usate le alternative in sostituzione totale dei fiori freschi.

Una postilla doverosa riguarda i matrimoni invernali: nel primo punto, vi consigliavo quali location scegliere soprattutto nel periodo primaverile-estivo. Per quanto riguarda i mesi più freddi, vale nella scelta della location la seconda opzione, quindi l’affitto delle sale comunali particolari messe a disposizione all’interno di ville d’epoca, oppure quelle location gestite da catering o direttamente da ristoranti dove è possibile svolgere sia cerimonia che ricevimento al chiuso. In questo modo, ottimizzerete al massimo il budget e le tempistiche della giornata!

Resto a vostra completa disposizione per ogni consiglio e idea per l’organizzazione del vostro matrimonio, direttamente qui, nel mio sito graceeventworld.com, via mail a info@graceevent.net o anche su whatsapp al 3926194450. Felice evento!

La Grace