, , , ,

Matrimonio con il candore del bianco e della semplicità

Elena e Luca,

l’ultimo matrimonio della stagione, tutto all’insegna del candore del bianco e della semplicità!

Vi racconto molto brevemente le scelte easy shabby della sposa e la nostra elaborazione.

Elena mi chiede solo rose bianche e un allestimento easy e noi l’accontentiamo! 🙂

Centrotavola easy con barattoli e t-light di vetro, juta , rose bianche e gypsophila.

Tableau con pallet bianco e vasetti di gypsophila,  font verde e carta mano rigorosamente White.

Sottopiatti in legno, tumbler lavorato come nella migliore mise en place shabby e tante t-light per riscaldare la fredda giornata invernale.

 

Guest book in legno e tante camera usa e getta per lasciare un ricordo.

Musica con i vinili per intrattenere gli invitati!!

 

Taglio torta sotto il pergolato e come wedding cake la torta preferita dagli sposi: la torta paesana!

Tante cakes su cassettine di legno e porzioni giganti per gli invitati.

Cake topper in vinile e tanti tanti auguri ragazzi!!

 

Location: Tenuta Valcurone (Montevecchia )30

Grace

wedding designer

, , ,

L’invito e la partecipazione di Nozze

Se tardi a trovarmi insisti, se non ci sono in un posto, cerca in un altro, perché io sono fermo da qualche parte ad aspettare te. (Walt Whitman)

Le partecipazioni di Nozze sono l’evoluzione storica degli inviti che l’aristocrazia europea già dal diciottesimo secolo utilizzava per invitare persone accuratamente selezionate ai propri eventi. Anche oggi sono segno di eleganza l’uso di pergamene e carte speciali e la scrittura a mano. In ogni caso,  le partecipazioni sono il biglietto da visita del matrimonio e il primo elemento che gli invitati ricevono. Questo particolare elemento riflette il carattere degli sposi e può anticipare il tema dell’evento; ecco perché è molto importante sceglierlo con cura e conoscere tutte le regole di bon ton dei testi  e dell’invio.

Le partecipazioni possono essere composte da più elementi, ognuno dei quali ha una sua funzione specifica:

  • L’annuncio: è la parte principale nella quale gli sposi  (o i loro familiari  sono nei casi di cerimonie molto formali) annunciano il luogo, la data e l’ora delle loro nozze;
  • L’invito:  con l ‘invito si richiede la presenza anche durante il ricevimento nuziale e può essere incluso nell’annuncio o con un cartoncino aggiuntivo. Nel secondo caso è possibile far stampare separatamente annunci e inviti in numeri diversi;
  • Informazioni/mappa : Il cartoncino informazioni è richiesto quando ad esempio si hanno ospiti che necessitano di una sistemazione in Hotel e/o noleggio auto, oppure   per  eventi di intrattenimento pre e post matrimonio. La mappa è ormai desueta, sostituita dal GPS e dalla geo localizzazione  via whatsapp o sul sito web;
  • Lista nozze: questo cartoncino è l’eterna diatriba fra bon ton e praticità. Pur amando il buon gusto lo consiglio sempre ai miei sposi soprattutto se si desidera ricevere i regali sul conto corrente. Stampato su un cartoncino a parte in formato più piccolo può’ contenere tutti i caratteri del codice IBAN impossibili altrimenti da trasmettere telefonicamente. Una frase educata gentile e allegra come:” Se desiderate aiutarci a realizzare i nostri sogni , vi indichiamo le nostre coordinate . Vi ringraziamo in anticipo per la vostra generosità.”

Nel caso in cui utilizziate più cartoncini in aggiunta all’annuncio vi consiglio il formato di partecipazione pocket di cui vi parlero’ nei prossimi  post.

 

Il Save The Date

Il Save The Date ( ricorda la data ) è un altro tipo di annuncio che non sostituisce la partecipazione ma la precede. Contiene  semplicemente l ‘indicazione della data e ora delle Nozze completata dalla frase: seguirà partecipazione.

Potete sostituire il save the date cartaceo con quello digitale, creando una pagina web o inviando delle mail per un vero matrimonio 2.0!!

Se ad esempio desiderate inviare il save the date a chi abita lontano, la versione digitale è la più efficace ed economica!

Quando si usa sicuramente il save the date?

1- quando avete ospiti provenienti da molto lontano e devono prenotare  aerei e hotel per spostamenti e pernottamento;

1 – quando fissate come data delle nozze un periodi di festività o di ferie. Ad esempio chi si sposa a Luglio, Agosto o Settembre è tenuto ad annunciare con un certo anticipo le nozze:  almeno 4/5 mesi prima. Inviate subito un allegro save the date seguito dalla partecipazione dopo qualche mese.

 

L’invito

L’invito  è un elemento della partecipazione, che come predetto, puo’ essere incorporato all’annuncio o separato. Se desiderate far partecipare al ricevimento tutti i vostri invitati potete scrivere un annuncio seguito dall’invito; in caso contrario create un cartoncino a parte che potrete stampare in numero inferiore agli annunci e inserire nella busta solo ai destinatari “giusti”.

L’invito comprende  una frase che convoca gli invitati al luogo del ricevimento e chiude con una richiesta di conferma con i contatti telefonici di riferimento. ( in genere si indicano sia  quelli della sposa che  dello sposo)

Come sceglierle

Lasciando da parte momentaneamente il bon ton che prevede l’uso di carte pregiate, un formato rettangolare e busta chiusa, possiamo dare via libera alla fantasia per annunciare la gioia del nostro matrimonio! Le uniche vere limitazioni dettate dal buon senso e dalla educazione sono:

  • usare sempre immagini romantiche o  allegre o dei futuri sposi. ( non eccedere mai con la goliardìa e le immagini sarcastiche perhè potrebbero offendere una parte dei vostri invitati. Lasciate le immagini vignetta a momenti più appropriati come addio al nubilato/celibato!)
  • utilizzare font eleganti, comprensibili e delle giuste dimensioni ( fatevi fare sempre le prove di stampa con caratteri tipografici diversi);
  • se spedite le partecipazioni acquistate buste da spedizione bianche e inseritele ( anche se hanno la loro busta ). In questo modo la partecipazione arriverà intatta senza macchie e timbri e potrà essere esibita ed  utilizzata anche  il giorno del matrimonio;

Date un senso al formato che utilizzate in modo che segua un filo conduttore con il tema del matrimonio. Una partecipazione annuncia il vostro tema non dimenticatelo!

Quando sceglierle

Vi elenco dei periodi precisi per facilitarvi  la stesura dell’agenda:

  • Se vi sposate tra Maggio  e Settembre sceglietele tra Dicembre e Gennaio;
  • Se vi sposate tra Ottobre e Dicembre sceglietele a Marzo;
  • Se vi sposate tra Gennaio e Aprile sceglietele a Settembre.

Spiegate al vostro fornitore il tema che desiderate sviluppare per il vostro #matrimonio, compreso il colore preferito. Tenete conto che il buon gusto è sempre d’obbligo nella grafica e lo è soprattutto se si tratta di una #cerimonia con rito religioso. Chiarite infine sempre i termini di fornitura per la gestione senza stress dell’invio e della consegna.

Creatività, chiarezza ed eleganza sono gli elementi per una partecipazione perfetta!

Quando spedirle o consegnarle

Sia la spedizione che la consegna a mano sono entrambe due modalità previste  dal bon ton.  Cambiano pero’ notevolmente i tempi in base alla scelta. La spedizione puo’ essere tranquillamente effettuata entro i 60 giorni dalle nozze ( es. se vi sposate il 18 Giugno spedite entro il 10 Aprile).

Se optate per la consegna personale createvi un planning degli appuntamenti per il numero di partecipazioni. Vi consiglio quindi di inizare 3/4 mesi prima. Prevedete anche una modesta selezione di  confetti   da portare con voi  (come la nostra wedding invitation box). La differenza tra una soluzione e l’altra è l’empatia che potete ricreare con i vostri invitati ed è l’occasione per presentare il  partner ai rispettivi parenti/amici.  Se spedite la partecipazione ricordatevi di far seguire l’invio da una vostra telefonata!

Quante acquistarne e quante inviarne

Suddividete i vostri invitati per:

  • nucleo familiare;
  •  coppia;
  • singles;

Per nucleo familiare si intende genitori e figli conviventi; se i figli  (ad esemio i cugini) sono sposati o convivono in  un’ altra casa si considerano 2 partecipazioni ( 1 per nucleo familiare e 1 per coppia );

I singles devono ricevere una partecipazione ciascuno separata da quella del nucleo familiare.

Acquistatete sempre un 10% in più almeno per compensare eventuali errori o inviti” inaspettati “.

Contatevi anche voi, mi raccomando!!

Vi lascio con un ultimo consiglio. Quando scegliete le #partecipazioni prenotate anche le #bomboniere nello stesso identico numero e seguendo lo stesso stile. Se partecipazioni e bomboniere combaciano graficamente, per colore e stile avrete realizzato già mezzo progetto di #nozze perfetto e non incorrerete in errori di numeri. Anche se gli invitati saranno ( sicuramente ) inferiori rispetto al numero degli #inviti, vi ritroverete comunque a dover gestire delle bomboniere per chi vi ha fatto un regalo e non partecipa al ricevimento e  in più  vi ritroverete la Vostra come ricordo!!

Nei prossimi post ti parlero’ dei diversi formati delle partecipazioni e delle mie proposte Graceevent World.

Per qualunque altra informazione scrivimi a : info@graceevent.net

Se desideri seguire i miei post iscriviti alle nostre news e ricevi in omaggio il mio speciale ebook Matrictionary!

 

Grace

 

 

 

 

 

 

 

 

 

, , ,

RITUALS AROUND THE WORLD: JAPAN

Imagine a temple in gaudy colours… wonderful cherry blossoms… an ancient and evocative melody… Imagine the smell of tea… an intimate and solemn atmosphere…  bride and groom in kimono…                                                 Imagine a place whose culture, so suggestive and fascinating, inspired movies, theatrical works, books, that we all heard about. Well… if you’re imagining that… you’re already part of a Japanese wedding ritual!

Actually, because of the different cultures that coexist in Japan, there’s not an only ritual which is valid in all the country; however the shinto ceremony is one of the most common, austere and full of symbolism. Shinto wedding is celebrated in a temple, where the bride, hanayome, and the groom, hanamuko, sit together, in the middle of the room, in front of the minister. Near them just the nakōdo, an elderly couple of acquaintances with the function of mediator between the bride and groom’s family. Parents and relatives sit at the sides of the room, quite distant, while the other guests wait outside.

The culminating moment of the ceremony is the san-san-ku-do, literally “three-three-nine-times”, that consists in the exchange of nine cups of nuptial sake between bride and groom, who finally go to the sanctuary’s core in order to offer to the kami the sacred sakaki’s twig.

Another typical ceremony in Japan is the Tea Ceremony (cha no yu – “hot water for tea”), a ritual created in XVI century by the Buddhist Zen monk Sen no Rikyū, which consists in the preparation and presentation of matcha, green tea that is pulverized and blended with hot water using chasen, a specific bamboo whisk.

This ceremony is usually divided into three moments: kaiseki, light meal eaten before tea; koicha, thick tea; usucha, light tea, the only moment that is generally celebrated because the entire ceremony would be too long. The usucha is celebrated by a geisha who prepares tea following and elaborated code of etiquette, and then offers it to the bride, the most important guest, to the groom, and in the end to the other invites.

The uniqueness of these rituals is emphasised by the traditional clothing of the bride and the groom. The groom wears the aori kahama, the samurai’s long pleated skirt with the black kimono-jacket. The bride wears instead the shiromaku, a sumptuous white kimono in brocade, symbol of pureness and availability to start a new life, meaning underlined also by the white hat, called tsuno-kakushi, wore upon the hairpiece.

This is just a part of the wonderful wedding traditions in Japan. If you’re interested to receive more info, contact me on e-mail or facebook!

I’ll be expecting you next month with a new ritual around the world 🙂

Big hug!

Well…

体に気をつけてね

Desirée – wedding planner

wedding@graceevent.net

 

 

 

Images from: Pinterest

, , ,

Natale con semplicità

Natale in Italia è famiglia,  pietanze gustose e creative e tavole curate per i propri ospiti.

I bambini sono il fulcro della festa e i decori e i pacchetti di Natale sono in bella mostra sotto l’albero ! ?

Potrei dire che per deformazione personale, a Natale ami allestire tutta la casa seguendo le tendenze,   ma in realtà i miei gusti personali sono un po’  diversi. Albero di Natale a parte, che contiene tutti i ricordi di famiglia ,seguendo le tradizioni italiane, per il resto della casa amo lo stile nordico o “slow living”.

Lo definisco il Natale “semplice”.

Amo l’ uso naturale e quasi casuale di frutta, rami di pino, fiocchi rossi di cotone e candele. È un’atmosfera del Natale meno chic e decisamente informale. La suggerisco a chi ha deciso all’ultimo momento di invitare qualche amico, parente lontano o ha molti bambini.

Prepara centrotavola con la frutta che ha in cucina, aggiungi qualche pigna o qualche pallina di natale e candele.

Sulle sedie appoggia cuscini colorati o plaids e legali con fiocchi rossi.o verde di cotone.

Rosmarino se non hai rami di pino; cannella  e anice stellato ti aiuteranno ad impreziosire  le candele bianche o rosse.

Se hai tanti bambini crea un tavolo.tutto per loro, anche in cucina,  con tovaglioli e piatti di carta. Si divertiranno a pasticciare senza gli sguardi severi degli adulti e vivranno il Natale con gioia e spensieratezza!

Il Natale è semplicità!

?Buon Natale!?

Grace.


, ,

Semplicemente Buon Natale!

Manca pochissimo a Natale e non vogliamo perderci l’occasione di ringraziarVi tutti, ma proprio tutti per le grandi Emozioni che ci avete donato in questo meraviglioso 2017!

Cosi’ oggi Desirée e io scriviamo questo post a 4 mani per condividere con voi i preziosi ricordi che 50 #matrimoni ci hanno lasciato nel cuore.

Il #Natale in fondo è il momento giusto per fermarsi e riflettere su tutto quello che abbiamo imparato e ricevuto dai nostri clienti, collaboratori e da tutte le persone che abbiamo incontrato personalmente o professionalmente.

Tutti gli uomini che conosco sono piu’ bravi di me in qualcosa. E in questo campo, imparo da loro” Emerson

Arrivare al cuore delle spose, degli sposi e dei loro inviati non è mai facile, richiede preparazione dedizione e sacrificio. Lavorare duramente per molte ore con il caldo o con il freddo e sempre con il sorriso e un unico obiettivo: la perfezione. Perchè niente di meno della perfezione è richiesto nel giorno più importante per una coppia. Nessuna scusa, nessun contrattempo, nessun pensiero negativo possono avere il sopravvento durante un wedding day.

E ogni  wedding day non è mai uguale al precedente o al successivo.Questo è il nostro lavoro.

In compenso riceviamo delle emozioni davvero speciali ed uniche! I vostri “Grazie”, ” Vi ricorderemo con affetto”, ” è stato tutto perfetto”, i vostri sorrisi, i vostri abbracci, i vostri selfie con noi, sono tutti incisi nel nostro cuore. Sono il motore e la benzina delle nostre giornate. Sono il “perché” siamo wedding planner.

Il primo grazie lo devo alla persona che mi ha permesso di iniziare questa splendida esperienza: Grace. Una wedding planner, ma prima di tutto una Donna, da prendere come esempio per la sua professionalità, passione e umanità. Sei stata la mia guida e ancora più importante la mia compagna di (dis)avventure, deliri, esaurimenti, ma soprattutto grandi soddisfazioni. Grazie a tutti i matrimoni e agli sposi che mi hanno permesso di portare avanti il mio sogno, di sperimentare, sbagliare, imparare. Grazie anche a chi magari non mi ha capita o chi mi ha messo in difficoltà, perché mi ha fatto testare i miei limiti e spesso anche dato gli spunti giusti per superarli. Grazie a chi invece ci è sempre stato e so ci sarà sempre, perché solo grazie a voi sono quella che sono ed è per voi che ogni giorno mi impegno per essere migliore. Grazie a tutte le persone con cui ho avuto modo di collaborare, per un pomeriggio o per intere giornate, perché mi avete insegnato l’importanza di lavorare insieme, rispettandosi e sostenendosi l’un l’altro. Un anno sta per concludersi, e posso affermare con assoluta certezza che è stato tra i più ricchi e soddisfacenti della mia vita. Quindi ancora grazie e tanti tantissimi auguri. Con affetto,

Desirée

Grazie al mio meraviglioso  team per la professionalità,  dedizione  e la pazienza dimostrata. Tante, tante ore di lavoro in armonia e serenità, con un continuo reciproco supporto. Grazie alle nostre spose, splendide e radiose e anche quelle meno serene e sempre molto emozionate. Avete lasciato tutte un segno particolare nella mia vita professionale. Grazie a chi continua a seguirmi con affetto e dimostra fiducia e comprensione nel  il mio amore assoluto per il mio lavoro. Grazie a te Desirée perchè quest’anno con la tua giovane voglia di emergere mi hai riacceso di entusiasmo e positività.  Grazie alla mia famiglia per il sostegno morale, la pazienza dimostrata durante le mie assenze fisiche e “mentali”, quando sono lì con voi fisicamente ma la mia mente ricerca nuove idee e strategie per migliorare il servizio o il prodotto. Auguro a tutti voi di trascorrere le feste serene, come più desiderate e soprattutto con chi amate. Vi abbraccio forte,

Grace.

, , , ,

RITI DAL MONDO: GIAPPONE

Immaginate un tempio dai colori sgargianti… i fiori di ciliegio appena sbocciati… una melodia antica ed evocativa… Immaginate l’odore del tè… un’atmosfera intima e solenne… gli sposi in kimono… Immaginate un luogo la cui cultura, così suggestiva e affascinante, ha ispirato film, opere teatrali, libri di cui tutti abbiamo sentito parlare. Ecco… se riuscite a immaginarlo… state già facendo parte di un rito giapponese!

 

 

In realtà, a causa delle diverse culture che coesistono in Giappone, non ne esiste un unico valido per tutto il Paese; tuttavia tra i più diffusi troviamo il rito shinto, austero e carico di simbologia.

Il matrimonio shinto viene celebrato in un tempio, in cui la sposa, hanayome, e lo sposo, hanamuko, sono seduti vicini, al centro della sala, davanti al sacerdote. Accanto a loro solo i nakōdo, un’anziana coppia di conoscenti con la funzione di intermediari tra le famiglie degli sposi. Genitori e parenti stretti siedono ai lati della sala, a debita distanza, mentre gli altri invitati attendono fuori.

Il momento culminante della cerimonia è il rito del san-san-ku-do, letteralmente “tre-tre-nove-volte”, che consiste nello scambio di nove coppe di sake nuziali tra gli sposi, che infine avanzano fino al cuore del santuario per offrire ai kami un ramoscello del sacro sakaki.

Un’altra cerimonia tipica in Giappone è la cerimonia del tè (cha no yu – “acqua calda per il tè”), un rito ideato nel XVI dal monaco buddista zen Sen no Rikyū, che consiste nella preparazione e presentazione del matcha, tè verde polverizzato e mescolato all’acqua calda tramite il chasen, un apposito frullino di bambù.

Questa cerimonia si divide tradizionalmente in tre momenti: kaiseki, pasto leggero consumato prima del tè; koicha, il tè denso; usucha, il tè leggero, momento a cui generalmente si limita la cerimonia che nella sua interezza richiederebbe troppe ore. L’usucha viene celebrato da una geisha che si occupa della preparazione del tè seguendo un elaborato codice di etichetta, per poi servirlo alla sposa, l’ospite più importante, lo sposo, e infine il resto degli invitati.

L’unicità di questi riti viene enfatizzata anche dall’abbigliamento tradizionale degli sposi. Lo sposo indossa lo aori hakama, ossia la lunga gonna pieghettata dei samurai con la giacca-kimono nera. La sposa invece, truccata con uno spesso strato di cerone bianco, porta lo shiromaku, un sontuoso kimono di broccato bianco, simbolo di purezza e di disponibilità a iniziare una nuova vita, significato enfatizzato anche dal cappello bianco, chiamato tsuno-kakushi, indossato sopra la parrucca.

Questa è solo una parte delle meravigliose tradizioni del matrimonio in Giappone. Se siete interessati a ricevere maggiori info, non esitate a contattarmi via mail o su facebook!

Vi aspetto il mese prossimo con un nuovo rito dal mondo 🙂

Un abbraccio! Anzi…

体に気をつけてね

Desirée – wedding planner

wedding@graceevent.net

 

 

 

Fonte immagini: Pinterest

, ,

Stella stellina di frolla e di Natale

“Stella stellina la notte si avvicina, la fiamma traballa…..”

Questa filastrocca da bambina l’ ho ascoltata molte volte come mamma l’ho canticchiata poco, sono sincera, solo nelle prime settimane di vita di Davide. Poi ho continuato con pop, rock……( infatti adesso la sua vita è la musica?).

Una delle immagini più tenere che mi capita di vedere proprio dursnte le festività natalizie sono mamma e figlia che impastano i biscottini di frolla. A forma di stelle, anzi stelline.

Proprio a queste immagini mi sono ispirata per creare la mia stars eve box; uno scrigno da donare e che contiene tutto l occorrente per creare insieme a tua figlia o alla tua nipotina tante stelline.

 

La ricetta e lista ingredienti puoi trovarla nell’atelier online, mentre di seguito ti illustro i semplicissimi passaggi ( clicca sul link ).

Setaccia la fecola, lo zucchero a velo e la farina.

Rassoda un uovo e sbriciola il tuorlo aiutandoti con i rebbi di una forchetta.

Unisci il burro tagliato a dadini agli ingredienti secchi e poi il tuorlo d’uovo.

Impasta prima con le dita e poi con le mani fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

Copri e metti in frigorifero per un’ora.

Accendi il forno statico a 170°.

Nel frattempo puoi preparare insieme alla tua piccolina i segnaposti con i nomi degli invitati, il centrotavola, piegare i tovaglioli. In questo modo resterete entrambe occupate e non scioglierai la magîa del momento!

Trascorsa l ora si può procedere al taglio delle formine. Mi raccomando si usa tutta la frolla fino all’ultimo pezzettino!!?

Inforna per 15 minuti.

Spolvera con abbondante zucchero a velo possibilmente vanigliato.???

Buona merenda!!

Ne approfitto per abbracciarti e augurarti splendide feste di Natale!

La Grace

 

 

, , , , , ,

Matrimonio d’Autunno

Solo ancora per pochi giorni, ma posso permettermelo! 🙂

Vi racconto  un real wedding autunnale in Tenuta Valcurone.

Se hai deciso di sposarti in questo particolarissimo periodo dell’anno puoi trovare in questo post alcuni spunti per un allestimento eco-chic low cost.

06 Ottobre wedding day di  Mary e Massimo, due professionisti e soprattutto due splendide persone!

A Mary è successo quello che un po’ è successo a me la prima volta che ho visto la Tenuta: se ne è innamorata.

L’unica incognita le previsioni meteo, per il resto tutto chiaro! ?

Tema del ricevimento  l’autunno rappresentato con i suoi “fiori” e frutti. Colori naturali abbinati al crema, colore conduttore del design.

Centrotavola realizzati seguendo l’ispirazione wedding da una bravissima  floral designer che ha utilizzato castagne, zucche,  uva, noci, melograno abbinati a juta e cotone grezzo. T-light a go-go e la magìa delle emozioni hanno fatto il resto.

Il centro tavola degli sposi rappresenta tutti gli elementi dell’autunno come le castagne, l ‘uva, il melograno e la corteccia adagiate su un runner di juta. Una tavoletta di legno grezzo accoglie le t-light. Grafica super-easy a prova di budget su cartoncino craft e scrittura a pennarello. Per una amante dello slow wedding come me : scelta perfetta!

Il rosso del #melograno, il marrone delle #castagne, il verde delle #eriche scaldano il centro di ogni tavolo e a fine giornata gli invitati portano con se’ un pezzettino di autunno.  ( almeno quello che ne è rimasto…;)  ).

Le t-light hanno giocato un ruolo importante per  addolcire  e “riscaldare” la fredda giornata di Ottobre.

Consiglio l’uso smisurato di t-light e lanterne, soprattutto in questo periodo dell’anno, quando la luce naturale si “abbassa” e le piccole fiammelle riflettono luce sul tovagliato.

Tovaglia ecru’ come tovagliolo per richiamare il color crema scelto dalla sposa.

Per il bouquet e la wedding cake rose “spray maiolica” e Hypericum rosso.

Wedding cake chantilly  a 3 piani, con decorazioni in juta e rose Maiolica. 

Taglio torta sotto il pergolato con una romantica luce rosa cipria tipica del pre tramonto autunnale in Montevecchia.

Dolcissima conclusione in barricaia con una candy station ricca di t-light, corteccia, legno e saccotti in carta craft; anche questi un’idea da copiare per una realizzazione easy ma molto personale e delicata.

Ringrazio dal cuore Mary e Massimo per aver scelto Tenuta Valcurone e la fiducia riposta nel nostro staff.

Se desideri ricevere idee e informazioni sull’organizzazione di un matrimonio autunnale scrivimi a info@graceevent.net o iscriviti alle nostre news.

Mariagrazia tarantino

wedding planner & design

, , , ,

COLOURED IS THE NEW WHITE: WEDDING SHOES TREND 2018

White, synonymous of candour and purity, is the traditional and classic bride’s ideal colour. However the total white next year won’t be a trend anymore, especially for what concerns bridal shoes. For a modern and original look, coloured, alternative and peculiar footwear is preferred, that the brides can reuse in other events or special occasions.

For the women with a delicate taste and a vintage/boho style, we suggest pastel nuances, in particular pale pink (a colour proposed also for the new wedding dresses), embellished with jewels, bright rhinestone or lace; which alternate with the romantic gold or silver shades, for a fascinating timeless look.

The model of White collection by #VeraWang is wonderful: a twisted satin peep-toes, decorated with a chiffon flower, available in blush or ivory.

The Bridget 85 by #JimmyChoo are also gorgeous but more traditional: platinum ice dusty glitter round toe pumps, which magnificently work just as well with jeans as they do with sharp tailoring.

The rock and alternative brides may prefer footwear with vibrant, intense tones, in order to create an eccentric look and to make it entangling and captivating. For the women with a “dark soul” the black shoe is probably the best choice, even because black is getting a discrete success for the wedding dresses too.

The “comfortable solution” is the most appreciated, in fact the brides will avoid exaggerated heels, leaving space for more moderate, but refined and elegant, heights. Sandals, decolleté and lace up, so fashion recently.

The brides allergic to any kind of heel who can’t renounce to originality, may opt for personalized sneakers or converse with white tulle or satin bow, beads, tags; as an alternative to the classical ballerina flat, that remain a certainty anyway, most of all in case of “uncomfortable” locations.

Moreover, they’re both flat shoes, so they’re ideal for a look change, when the bride wants to go wild with her guests or simply to return feet on the ground after a very long and tiring day…but always with style!

No matter what your choice is, it is it would be better to match the coloured shoe model with the tones chosen for the wedding, in order to create an harmony with all the elements that will surely make perfect your big special day!

Desirée – Wedding planner

desi.piazza24@gmail.com

 

 

 

 

Images by: Pinterest, David’s Bridal and Jimmy Choo official website

 

 

 

 

, , , , ,

Anice stellato una meravigliosa magia della terra

Quando apri il sacchetto o il barattolo di l’anice stellato senti subito che è Natale!

L’anice è il frutto di un albero tropicale sempreverde originario dell’Asia orientale. Si coltiva soprattutto  per il suo profumo pungente e per il suo gusto piacevole e delicato.  Questa spezia è diffusa in quasi tutte le cucine del mondo e, viene usata per donare gusto a piatti come coniglio, pollo, maiale e dolci.

 

I fiori dell’anice simili a quella della magnolia lasciano spazio a frutti legnosi e scuri che prima di “morire” assumono la forma di Stella a 8 punte.

Anice stellato

È anche una perfetta decorazione natalizia perchè richiama il simbolo delle stelle e diffonde un delizioso profumo nell’aria. Consiglio di utilizzarla soprattutto per decorare candele o oggetti da appendere sull albero. Il calore della candela o delle luci dell’albero sprigioneranno il particolare profumo dell’essenza.

Prima di lasciarvi alle decorazioni di Natale una velocissima ricetta dei biscotti di Natale all’anice stellato:

Prendi la ricetta per la realizzazione delle stelline di frolla e aggiungi:

1/4 cucchiaino di zenzero in polvere
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
1/2 anice stellato intero
1/2 scorza di limone grattugiata
1 uovo
1 pizzico di sale

Una volta sfornati e raffreddati glassa a piacere.

Ti abbraccio forte e auguro serene feste!

La grace.