, , , , , ,

Anice stellato una meravigliosa magia della terra

Quando apri il sacchetto o il barattolo di l’anice stellato senti subito che è Natale!

L’anice è il frutto di un albero tropicale sempreverde originario dell’Asia orientale. Si coltiva soprattutto  per il suo profumo pungente e per il suo gusto piacevole e delicato.  Questa spezia è diffusa in quasi tutte le cucine del mondo e, viene usata per donare gusto a piatti come coniglio, pollo, maiale e dolci.

 

I fiori dell’anice simili a quella della magnolia lasciano spazio a frutti legnosi e scuri che prima di “morire” assumono la forma di Stella a 8 punte.

Anice stellato

È anche una perfetta decorazione natalizia perchè richiama il simbolo delle stelle e diffonde un delizioso profumo nell’aria. Consiglio di utilizzarla soprattutto per decorare candele o oggetti da appendere sull albero. Il calore della candela o delle luci dell’albero sprigioneranno il particolare profumo dell’essenza.

Prima di lasciarvi alle decorazioni di Natale una velocissima ricetta dei biscotti di Natale all’anice stellato:

Prendi la ricetta per la realizzazione delle stelline di frolla e aggiungi:

1/4 cucchiaino di zenzero in polvere
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
1/2 anice stellato intero
1/2 scorza di limone grattugiata
1 uovo
1 pizzico di sale

Una volta sfornati e raffreddati glassa a piacere.

Ti abbraccio forte e auguro serene feste!

La grace.

, , , ,

Zucchero, cannella e un dolcissimo segnaposto di Natale

Pensare al menù, fare la spesa, cucinare e poi…poi resta anche la mise en place, i segnaposto….e i pensierini!

Ecco una semplicissima idea che puoi preparare molto prima oppure mentre cucini.

I tuoi ospiti l’apprezzeranno molto, perchè zucchero e cannella è un connubio molto versatile e adatto alle festività natalizie.

È un dolcificante pregiato per il tè o il caffè, un insaporitore di sughi e salse (sugo di pomodoro, puccino di carne, ragù…) per dolci come tiramisù o per i biscotti di frolla di Natale, per la torta alle mele…

Passiamo subito alla parte pratica!

Occorrente:

Gr. 50 Zucchero possibilmente a granulometria finissima( Zefiro di Eridania );

Gr.10  Cannella in polvere;

1 ciotolina;

1 cucchiaino;

6 provette o mini vasetti di vetro;

6 tag con nomi;

Spago e nastri assortiti;

6 rametti di abete o sempreverde;

Colla a caldo.

Versa lo zucchero nella ciotolina e unisci la cannella in polvere. Miscela aiutandoti con l indice perchè il calore del tuo dito scalderà lievemente lo zucchero incorporando meglio la cannella.

 

Aiutandoti con un piccolo cucchiaino da thè, riempi i vasetti precedentemente sterilizzati e lasciàti asciugare per una notte.

Scrivi sulle tag i nomi dei tuoi commensali e legale a delle piccole stecche di cannella con uno spago di corda o cotone backer’s twine.

Crea un fiocco con un nastro, inserisci al centro del nodo il rametto di pino e incolla con la colla a caldo.

Adesso i tuoi segnaposto sono pronti per regalare un tocco di dolcezza alla tavola!

Ho pensato a 3 versioni cosî puoi inspirarti meglio a l tuo stile preferito:

industrial chic con un piatto di ardesia che richiama la tag di carta/lavagna e fiocco vichy rosso per richiamare il flute in cristallo rosso;

Questo segnaposto si abbina a tovaglia in juta, candele su legno rustico e sottopiatti di legno e corteccia.

Rustic chic con tovagliolo ricamato nei colori del verde e servizio vintage in porcellana, bicchieri Bormioli verde bosco:

romantic eco-chic con tovagliolo di lino ricamato a mano, servizio di porcellana bordato oro e bicchieri in cristallo  Christofle. In questo caso il segnaposto sdrammatizza la mise en place con un tocco di semplicità:

Ecco fatto! Sicuramente hai impiegato molto piu tempo a trovare questo articolo che non a realizzare il segnaposto.

Ne approfitto per augurarti buone feste in serenità ! 💖

La Grace.

 

, , , , , ,

Quando nasce un’idea

Carate Brianza, Agosto 2017 – Novembre 2017

Caro diario, ho estremamente  bisogno di una idea per Natale. Voglio qualcosa di vero, speciale e semplice. Anche quando semplice significa complesso.

E’ iniziato cosi’ questa estate ad Agosto , dopo 35 matrimoni 2017 e altri 18 in programma per settembre/ottobre, il mio viaggio verso il Natale 2017 che mi ha portato ad oggi.

Spero vogliate continuare questo piccolo viaggio speciale con me, destinazione Natale.

Ed è così che entrando in uno store di libri, lo vedo, così semplice e particolare. Un libro che parla di doni, di amore, di fiori e di ricette dolci fatte in casa. Lo prendo e lo porto con me al mare.

E’ la riposta alla mia richiesta. Nasce subito la mia nuova idea del Dono di Natale.

La riprendo ripercorrendo i miei natali trascorsi , nei  ricordi con la mia cara mamma, i nostri interi pomeriggi trascorsi a  cucinare per tutta la famiglia.

Il servizio bello ricamato di lino, le arance di Sicilia ( tradizione della mia famiglia ), le spezie e fiori che adornavano sempre la tavola.

Il mio compito era quello di apparecchiare, decorare e pensare ai pacchetti di regalo per i grandi. Poi non so perchè me ne ero dimenticata, proprio in quel Natale in cui tu mamma te ne sei andata portandoti via tutta la magia. Era il 21 Dicembre 2001.

C’è voluto tutto questo tempo ed un semplicissimo libro per riportarti da me con il desiderio puro e sincero di condivisione.

Cosi’ spero che se questi miei post, i Doni che creo e ho pensato per voi ,possano riportare o riaccendere  il Natale  nel vostro cuore, e se così fosse vi prego di dirmelo. Sarà davvero un Natale speciale. 🙂

Ho immaginato quindi le arance, la cannella, l’anice stellato, le mele e le pigne che raccoglievo in giardino per decorare, come tema principale dei miei Doni.  Cose semplici ma con caratteristiche uniche. Nessuno profuma più dell’anice stellato:

Le mani in pasta con i bambini per creare le stelline di pasta frolla!

Il sapore del pandolce con le arance glassate….

E poi impacchettare tutto con una scatola speciale;  bacche, corda e fiori freschi per dire “solo per te “. . Ricette scritte su pergamene arrotolate profumate al  caffè o tè e tag di legno per non buttare via nulla,  conservando tutto nel cassetto del comodino.

Tutto l’amore  per il Natale e la cura professionale che ho acquisito in 30 anni di lavoro creativo imprenditoriale.

Le mie Xmas eve box!

Tutto l’amore per il Dono e per la mia cara mamma. Per voi,

Grace.

Le mie Xmas eve box!

, , , ,

Donare Emozione

Me lo ha insegnato Babbo Natale da bambina: la vera gioia è la sorpresa!

L’emozione di veder arrivare questo grande omone rosso o trovare le tracce del suo passaggio la mattina di Natale.

Forse è ancora  presto per parlare di Natale, ma oggi  parlo di Doni e di Emozioni e le emozioni positive fanno sempre bene al cuore, tutto l’anno e tutta la Vita.

Ho letto un libro questa estate, da cui è nato qualcosa di cui vi parlerò nei prossimi post, incentrato sui doni fatti con il cuore, con le mani e con la semplicità.

Per il puro piacere di donare, ricordare e farsi ricordare.

I miei ricordi più belli del Natale sono quelli da piccola e quando  @Casagrace era piena di bambini. Mio figlio Davide e le mie nipoti Jessica e Karen. Arrivava Babbo Natale in carne ossa ( un vicino di casa super volenteroso che riempiva  di gioia tutti i più piccoli del rione ) alle 21:30 della Vigilia di Natale, con una grande slitta piena di regali e con il suo vocione consegnava nome per nome quei pacchetti super colorati, grandi o piccoli.

Era meraviglioso veder sgranare gli occhi dei bambini e della ragazzina  più grande, lei, che anche se ormai sapeva ” la verità” non poteva non ringraziare felice quel grande omone rosso.

Questo è  Natale: il dono dell’attesa, della sorpresa e della meraviglia.

E poi si scartano i regali a volte ti piacciono altre no…e le piccole pesti  sono le più spietate a  volte!! 🙂

I regali graditi da tutti quel giorno, sono quelli che  coinvolgono i presenti, soprattutto i più piccoli , desiderosi a tutti i costi ( giustamente ) di  essere i protagonisti indiscussi di questa festa.

Anche quando i bambini non ci sono, ma a festeggiare è una coppia di innamorati  o gli amici intimi ,si scartano i regali, si ringrazia e poi si cerca ancora qualcosa da condividere:

un dolce, una bottiglia da stappare, un gioco, un film e…

…continuare a condividere EMOZIONI.

 

Quando scelgo un regalo per qualcuno a cui tengo, una persona veramente speciale o anche semplicemente per dire un “Grazie, auguri!”  sincero e profondo, penso al DONO.

Immagino il momento della sorpresa e della  gioia che che quel dono può scaturire.

In genere le cose più semplici , fatte con amore, con un intento preciso e personalizzate sono le migliori. Chi li riceve si sente davvero importante, unico e speciale.

Come te: unico e speciale.

Scegli sempre un Dono che parli di attesa, di sorpresa, di Amore, gioia e condivisione.

Anche un biscotto, una torta fatta in casa, un mazzo di fiori avvolto nella tua carta preferita; oppure un barattolo della tua marmellata speciale con un copritappo di pizzo o avvolto nello strofinaccio della  nonna.  Chi lo riceve si sentirà parte di te, del tuo mondo che condividerete insieme.

E insieme aspetterete il Natale come ogni bambino del mondo.

Ti auguro la più bella attesa di Natale di sempre, carica di doni e di emozioni positive,

per te e i tuoi cari.

Grace.

 

Scopri La mia nuova linea Xmas eve box .

, ,

Comunque andare…

“Comunque andare perché ferma non so stare in piedi a notte fonda sai che mi farò trovare e voglio ballare e sudare sotto il sole..”

Eh!  chi ha fatto della propria passione un  lavoro, come me, di restare ferma non ci pensa proprio. Dopo una pausa dal blog di 3 mesi dovuta al lavoro frenetico ( ben 30 wedding days in 4 mesi oltre a Battesimi e cerimonie ) e qualche giorno di pausa estiva, si riparte!

Per tutto il mese di Settembre e Ottobre pubblicherò i post dedicati ai wedding days più significativi di questa prima parte di stagione 2017 e a seguire quelli di Settembre e Ottobre per ispirarti e consigliarti le migliori strategie organizzative.

La novità 2017 saranno le proposte GIFT per Natale e festività, interamente realizzate a mano, gourmet e sensoriali per risolvere quella frenetica ricerca al regalo giusto per l’amica del cuore, la mamma o semplicmente per dire “Auguri”. Ristrutturerò il sito con le sezioni Wedding, Battesimo, Gift e i link diretti all’atelier online dove potrai  acquistate in tutta sicurezza con sistema sicuro di pagamento Pay Pal e Garanzia di rimborso 100%.

Evolvere, cambiare, migliorare per esserti sempre vicina nel momento più importante della Vita come il Matrimonio e il  Battesimo. Trovare soluzioni semplici,  nel mio stile, ma personalizzate e speciali per presentare un augurio a chi ami e a chi vuoi bene.

graceevent wedding team

 

“E se chiudo gli occhi sono rose e il profumo che mi rimane” A. Amoroso.

Approfitta per registrarti ADESSO alle news e ricevere gli aggiornamenti con real wedding, ispirazioni e novità prossima stagione.

Iscriviti alle News e ricevi gli aggiornamenti!

Buon rientro a te!

Mariagrazia Tarantino

wedding planner

 

, ,

Donna in rinascita

“Più dei tramonti, più del volo di un uccello, la cosa meravigliosa in assoluto è una donna in rinascita.”

Parto da quì, dalla prima frase di questo bellissimo testo dedicato alla Donna in rinascita. Dedicato a noi tutte, che a volte e più volte nella Vita rinasciamo. Dopo esserci rivoltate come un calzino professionalmente o emotivamente. Per Amore o per dolore. Dopo aver vissuto la tempesta diventiamo la Pace. Quella meravigliosa Pace interiore che appare come una nuvola di luce e di gioia per le persone che amiamo e che ci circondano. Quella luce di cui abbiamo davvero tanto bisogno. Oggi più che mai.

Dedicato a noi donne che possiamo e dobbiamo restituire luce per uscire dalle tenebre. Spetta a noi. Come sempre. Aspettano noi. Allora facciamolo. Buona lettura donne.Grace.

“Quando si rimette in piedi dopo la catastrofe, dopo la caduta.Che uno dice: è finita.No, non è mai finita per una donna.

Una donna si rialza sempre, anche quando non ci crede, anche se non vuole.

Non parlo solo dei dolori immensi, di quelle ferite da mina anti-uomo che ti fa la morte o la malattia.Parlo di te, che questo periodo non finisce più, che ti stai giocando l’esistenza in un lavoro difficile, che ogni mattina è un esame, peggio che a scuola.

Te, implacabile arbitro di te stessa, che da come il tuo capo ti guarderà deciderai se sei all’altezza o se ti devi condannare.Così ogni giorno, e questo noviziato non finisce mai.E sei tu che lo fai durare.Oppure parlo di te, che hai paura anche solo di dormirci, con un uomo; che sei terrorizzata che una storia ti tolga l’aria, che non flirti con nessuno perché hai il terrore che qualcuno s’infiltri nella tua vita.Peggio: se ci rimani presa in mezzo tu, poi soffri come un cane.Sei stanca: c’è sempre qualcuno con cui ti devi giustificare, che ti vuole cambiare, o che devi cambiare tu per tenertelo stretto.Così ti stai coltivando la solitudine dentro casa.

Eppure te la racconti, te lo dici anche quando parli con le altre: “Io sto bene così. Sto bene così, sto meglio così”.E il cielo si abbassa di un altro palmo.Oppure con quel ragazzo ci sei andata a vivere, ci hai abitato Natali e Pasqua.In quell’uomo ci hai buttato dentro l’anima ed è passato tanto tempo, e ne hai buttata talmente tanta di anima, che un giorno cominci a cercarti dentro lo specchio perché non sai più chi sei diventata.Comunque sia andata, ora sei qui e so che c’è stato un momento che hai guardato giù e avevi i piedi nel cemento.Dovunque fossi, ci stavi stretta: nella tua storia, nel tuo lavoro, nella tua solitudine.

Ed è stata crisi, e hai pianto.

Dio quanto piangete!Avete una sorgente d’acqua nello stomaco.

Hai pianto mentre camminavi in una strada affollata, alla fermata della metro, sul motorino.Così, improvvisamente. Non potevi trattenerlo.E quella notte che hai preso la macchina e hai guidato per ore, perché l’aria buia ti asciugasse le guance?E poi hai scavato, hai parlato, quanto parlate, ragazze!Lacrime e parole. Per capire, per tirare fuori una radice lunga sei metri che dia un senso al tuo dolore.“Perché faccio così? Com’è che ripeto sempre lo stesso schema? Sono forse pazza?”Se lo sono chiesto tutte. E allora vai giù con la ruspa dentro alla tua storia, a due, a quattro mani, e saltano fuori migliaia di tasselli. Un puzzle inestricabile.

Ecco, è qui che inizia tutto.

Non lo sapevi?E’ da quel grande fegato che ti ci vuole per guardarti così, scomposta in mille coriandoli, che ricomincerai.

Perché una donna ricomincia comunque, ha dentro un istinto che la trascinerà sempre avanti.Ti servirà una strategia, dovrai inventarti una nuova forma per la tua nuova te.Perché ti è toccato di conoscerti di nuovo, di presentarti a te stessa.Non puoi più essere quella di prima. Prima della ruspa.Non ti entusiasma? Ti avvincerà lentamente.Innamorarsi di nuovo di se stessi, o farlo per la prima volta, è come un diesel.Parte piano, bisogna insistere.

Ma quando va, va in corsa.E’ un’avventura, ricostruire se stesse. La più grande.

Non importa da dove cominci, se dalla casa, dal colore delle tende o dal taglio di capelli.Vi ho sempre adorato, donne in rinascita, per questo meraviglioso modo di gridare al mondo “sono nuova” con una gonna a fiori o con un fresco ricciolo biondo.Perché tutti devono capire e vedere: “Attenti: il cantiere è aperto, stiamo lavorando anche per voi. Ma soprattutto per noi stesse”.

Più delle albe, più del sole, una donna in rinascita è la più grande meraviglia.Per chi la incontra e per se stessa.È la primavera a novembre.Quando meno te l’aspetti…”

 Testo originale Diego Cugia, alias Jack Folla

,

Cannolo siciliano con crema mascarpone

Li ho assaggiati ieri per la prima volta e li ho trovati deliziosi: i cannoli siciliani con crema di mascarpone al limone.

Ecco la ricetta:

Ingredienti:

250 gr. di mascarpone

100 gr. di zucchero a velo

buccia e succo di 1 grosso limone

125 ml. di panna fresca

 

Preparazione:

Montare il mascarpone con lo zucchero a velo, finchè diventa una bella crema vellutata.

Aggiungere il succo e la buccia del limone, prima ben lavato ed asciugato.

Unire la panna montata e neve fermissima, e farla amalgamare al mascarpone, girando delicatamente con un cucchiaio di legno.

Tenere in frigorifero fino all’utilizzo.

Prova la ricetta e dimmi cosa ne pensi.

Grace.

, ,

Decori con il mio vecchio plaid

Smartpost @casagrace

Ho appena terminato il cambio di stagione, lo so in ritardo ( ogni anno sempre più tardi ) e in una vecchia scatola del mio papà ho trovato un suo plaid e la sua sciarpina tartan che usava per scaldarsi la gola seduto sulla potrona di casa….( piccolino mio…). Troppo importanti  per buttarlia via  o per regalarli. Così ho cercato su Pinterest, la mia serie tv preferita ( ahahaha…scherzo!) e ho trovato delle bellissime idee per riutilizzare plaids e sciarpine in lana come decorazioni natalizie. Magari le hai già viste, io te le propongo comunque .

Plaids in tartan come runner o tovaglia, sciarpine come nastro chiudi pacco o segnaposto sulla sedia. Se sai cucire puoi creare un caldo e colorato copri cuscino o un copri poltrona molto molto natalizio, in pieno mood slow living.

@casagrace

@casagrace

@casagrace

@casagrace

@casagrace

@casagrace

Sono piccole idee per fare atmosmera in vero slow living mood. Perchè casa è dove si respira calore, sempre.

Buona Vita,

Grace.

@casagrace

 

,

Una merenda speciale @casagrace

Smartpost @casagrace

Un’amica speciale in arrivo nel pomeriggio, finalmente posso abbracciarla dopo tanto tempo! Anche lei come me adora il caffè, per fortuna :). Vorrei offrirle qualcosa di dolce, da consumare al cucchiaio vicino al camino e sorseggiando il caffè.

@casagrace

Nasce così il mio Tiramisù scomposto.

Caffè caldo accompagnato da una goccia di Marsala dolce, biscottini friabili e crema di mascarpone leggera. Una spolverata di cacao e siamo pronte!

Si può variare la merenda, per gli intolleranti al lattosio, con i biscottini al vino e crema di frutta.

@casagrace

Oppure, per le amiche vegane, si può preparare la crema senza mascarpone con farina “00” o fecola di patate, latte di soia, olio di semi e zucchero.

Sciogliere la farina con un filo di latte di soia per far sì che non si formino grumi; quindi, scaldare il composto con zucchero, olio ed il restante latte vegetale.

 Appena la crema inizia a bollire, spegnere il fuoco e continuare a mescolare ancora per qualche minuto . Lasciare raffreddare.

@casagrace

L’importante è riuscire a ritagliarsi del tempo per chiaccherare serenamente con le amiche del cuore, restando comodamente a casa, senza trucco e parrucco, solo anima e cuore.<3

#slowliving @casagrace

Grace.

info@graceeventworld.com

Salva

, , ,

Il fiore della gioia e della speranza: il crisantemo

L’ unico crisantemo utilizzato nei matrimoni è il verde Yoko Ono e il nuovissimo Green trick e mi sono chiesta perchè.

I crisantemi sono considerati portatori di bene, gioia e prosperità in tutto il mondo, mentre in Italia vengono associati al lutto e ai contesti tristi. Questo dipende dal fatto che la festa dei morti avviene in concomitanza con la fioritura dei crisantemi e per questo i fiori sono sempre stati correlati a contesti molto tristi. Il crisantemo(il cui nome in greco significa “fiore d’oro”) sboccia in autunno quando la Natura si addormenta, cadono le foglie, come un simbolo di continuità e di speranza.

Slow living

Ricordiamoci che in Oriente  i crisantemi  hanno un valore  estremamente positivo e vengono utilizzati per matrimoni, comunioni e addirittura compleanni.

498af9da8574b715ee77011028fd6291

5b69767f9f4be0180209fc26e143ed9e

Perchè non utilizzarli anche per allestire feste e  cerimonie in questo periodo dell anno, senza scomodare rose e tulipani fuori stagione?

7af2bf70854938eb099e67a9c84a86d6

#warmestevent #graceeventworld #casagrace

💡graceeventworld.com

💌 info@graceeventworld.com