, ,

La partecipazione: Il biglietto da visita delle nozze

“La misura dell’amore è amare senza misura.” (Sant’Agostino)

Un modo per avere delle Nozze originali e romantiche è creare una perfetta partecipazione di matrimonio.
E’ la parte grafica  piu’ importante  perchè rappresenta il biglietto da visita dell’intero matrimonio;  è anche la più complessa perchè è quì che si dosano con logica e armonia, le regole di bon ton (che la goverano) e i gusti e le esigenze degli sposi.

La grafica, il tema e i testi.

La partecipazione moderna segue il filo conduttore dell’evento  ed è  il primo elemento grafico del progetto di Nozze. Oltre a rappresentare il tema, deve seguire alcune regole di galateo che riguardano il testo; deve essere anche uno strumento chiaro di informazione per l’invitato che la riceve, ed essere spedita o consegnata per tempo.

Se il matrimonio non è molto formale e gli sposi non sono ragazzini, si puo’ evitare la regola secondo la quale i genitori invitano al matrimonio:

Il testo  che generalmente  viene utilizzato segue questo schema:

 Nome e Cognome Sposo & Nome e Cognome Sposa Annunciano il matrimonio che  sarà celebrato il…alle ore..indirizzo 

Il bon ton prevede l’utilizzo di  carta  mano  o pergamena, color crema o ecrù e di forma rettangolare e si consiglia sicuramente  per le cerimonie molto formali.

In tutti gli altri casi, come accennato all’inizio, la partecipazione anticipa e rappresenta il tema del matrimonio e può essere:

– rettangolare a libro ( annuncio e invito) + busta;

– quadrata o rettangolare  + invito + busta;

– pocket con tasca per invito + informazioni + mappa.
 

Spazio alla creatività tenendo conto di alcune regole:– fondo bianco, crema o pastello per l’area dedicata al testo;– carattere elegante ( anche se non prettamente corsivo inglese ) e leggibile;– nome sposo & sposa oppure Sposa e Sposo ( senza cognomi) per matrimonio molto informale o in seconde nozze.

 Di seguito nell’annuncio si indicano gli indirizzi di casa degli sposi( solo   se  si desidera far confluire gli invitati nelle rispettive residenze prima della cerimonia ).

Nel caso in cui il matrimonio venga celebrato da un alto prelato si indica anche il nome del celebrante :

      ” la benedizione nuziale verrà impartita da S.E.R. Monsignor…………”

Il save the date

Per gli invitati stranieri oppure nel caso in cui  il matrimonio venga celebrato in prossimità ,subito dopo o durante il periodo delle ferie estive o festività natalizie,  si consiglia l’invio del Save the date. E’ sufficiente indicare i nomi degli sposi e la data seguiti dalla frase:“Formal invitation to follow ” – ” Segue Partecipazione”.

Il save the date puo’ anche essere in formato elettronico, se inviato all’estero tramite email e non sono previste  severe regole di bon-ton.

Dal web

L’invito

L’invito si unisce alla partecipazione di coloro che si desidera invitare anche al ricevimento, ne segue la stessa grafica e deve apparire come uno strumento informativo per l’invitato, che deve trovare il nome e l’indirizzo completo della location, oltre ai riferimenti telefonici per la conferma.

Se il ricevimento prevede una presenza cospiqua di invitati è consigliabile inserire una data entro la quale confermare la presenza. Chi è molto attento al bon ton puo’ non approvare questa scelta, ma è assolutamente consigliata se paragonata alle inevitabili  e pressanti richieste di riscontro da parte degli sposi.

L’invito termina con due alternative :

– “R.S.V.P.” (rèpondez s’il vous plait) e recapito telefonico;

– “E’ gradita gentile risposta ”  e recapito telefonico.

L’invito al taglio  della torta

Quando gl isposi desiderano invitare una parte degli invitati al taglio della torta si prevede la stampa dell’invito al Wedding Cake Party, che segue come testo l’invito al ricevimento indicando in aggiunta l’orario di riferimento.

Quando, come inviare e scrivere gli indirizzi

Le partecipazioni  con invito, devono essere spedite e/o consegnate a mano dagli sposi entro 60 giorni dalle nozze come regola generale, e se la data è in un periodo tipico delle ferie estive, si consiglia o l’invio almeno  3/4 mesi prima o  l’invio del Save The date. Le partecipazioni senza invito e gli inviti al taglio torta possono essere spediti e consegnati almeno 1 mese prima.

 Sulle buste è buona regola scrivere i nominativi dei destinatari a mano:

nome e il cognome del destinatario non devono mai essere preceduti da titoli di studio, onorifici o professionali (unica eccezione, i gradi dei militari di carriera) e si deve riportare l’indirizzo completo (via e numero civico, codice di avviamento postale e città).
Se indirizzata a una sola persona: Gentilissima Signora Anna Rossi
Se a una coppia: Gentilissimi Signori Paolo e Anna Rossi
Se sono invitati anche i figli, inviarne una a nome loro: Gentilissimi Marco e Silvia Rossi oppure Gentilissimi Paolo, Anna, Marco e Silvia Rossi
Se non si conosce il nome della consorte: Gentilissimo Signor Paolo Rossi e Signora oppure Gentilissimi Signori Rossi
Se la partecipazione ha un busta pregiata o  è in formato pocket  e deve essere spedita, consiglio di inserirla in una ulteriore busta per spedizioni possibilmente bianca.

Riepilogo

– 4 mesi prima Save the date;

– 2 mesi prima invio partecipazione con invito;

– 1 mese prima partecipazione senza invito;

– 1 mese prima invito Wedding cake party.

*le partecipazioni del post sono creazioni graceevent world.

Da gennaio 2017 le nuove collezioni con un esclusivo sconto del 30% riservato alle prime 10 coppie.

Per informazioni e preventivi personalizzati gratuiti:

Richiedi Preventivo gratuito Partecipazione nozze

Mariagrazia Tarantino

info@graceeventworld.com

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

,

Cannolo siciliano con crema mascarpone

Li ho assaggiati ieri per la prima volta e li ho trovati deliziosi: i cannoli siciliani con crema di mascarpone al limone.

Ecco la ricetta:

Ingredienti:

250 gr. di mascarpone

100 gr. di zucchero a velo

buccia e succo di 1 grosso limone

125 ml. di panna fresca

 

Preparazione:

Montare il mascarpone con lo zucchero a velo, finchè diventa una bella crema vellutata.

Aggiungere il succo e la buccia del limone, prima ben lavato ed asciugato.

Unire la panna montata e neve fermissima, e farla amalgamare al mascarpone, girando delicatamente con un cucchiaio di legno.

Tenere in frigorifero fino all’utilizzo.

Prova la ricetta e dimmi cosa ne pensi.

Grace.

, ,

Le scarpe della sposa: modelli giusti e tendenze

L’arma segreta di Cenerentola e l’ elemento più importante della sposa: le scarpe.

Subito dopo la scelta dell’ abito, del velo, della biancheria e poco prima della 1a prova si procede con la scelta delle scarpe. A questo punto , ti consiglio di non focalizzarti sul prezzo o  sulle offerte  e al “tanto le metto solo una volta”.

Se ci pensi anche  l abito lo indosserai solo una volta e non te lo godrai veramente bene se ti faranno male i piedi! Quindi affronta con calma e buon senso la scelta di questo importantissimo elemento del tuo outfit.

Di seguito alcuni  consigli, nati dopo tante esperienze vissute accanto alle mie spose, per aiutarti a scegliere senza timore la scarpa giusta, in linea con l’ abito e  le tendenze.

Ecco  alcuni  modelli, quando e come utilizzarli.

1)Ankle strap.

Quando vuoi indossare un paio di sandali o decolletè con il tacco e indossi  un abito con strascico o ingombrante; oppure  i decolleté li indossati si ma solo a Capodanno; o ancora   la pavimentazione della cerimonia o ricevimento è un ciotolato, un prato.

Il cinturino alla caviglia di questo modello elegantissimo e senza tempo, ti aiuterà a non perdere le scarpe mentre dai un piccolo calcio all’ abito quando ti volti o incedi sulla navata, o mentre affondi nel prato .

Questo modello sempre molto di tendenza lo ritroviamo anche quest’anno sulla passerella di Elie Saab, della NYC bridal week con o senza plateau con cinturino o fiocco.

2) Decolletè, Chanel ( mod.), D’Orsay.

Cerimonia religiosa pomeridiana e ricevimento scintillante serale: d’ obbligo la doppia scarpa.

Scegli un decolletè o una chanel o una più estiva  d’orsay    per la cerimonia, bianca o in linea con l abito scelto. La punta chiusa di questi ultimi due modelli rispetterà tutte le regole di bon ton anche per le cerimonie religiose, mentre l’apertura posteriore e laterale renderà il tuo passo più leggero.

La seconda scarpa, da cambiare prima del tuo ingresso in sala,  nella location del ricevimento, sarà invece un sandalo gioiello scintillante e prezioso che potrai tranquillamente riutilizzare durante il viaggio di nozze e per le future serate  speciali.

3)ballerina, tennis.

Molto richieste in queste ultime due stagioni le ballerine e le “converse” bridal version. Da utilizzare esclusivamente dal taglio torta in poi per scatenarti nei balli e nel wedding party con gli amici. Se hai bisogno di un paio di scarpe basse anche durante la cerimonia per non essere troppo alta, scegli una chanel tacco 4 e fai indossare  al tuo principe una suoletta di un paio di cm. Lui non se ne accorgerà e sarete splendidi!

Un tocco di Colore!

Se non sopporti la scarpa bianca punta sul colore.Acquista una scarpa con il colore tema del tuo matrimonio e allinea bouquet e accessori hair nella stessa tonalità.

Ricorda in ogni caso semplicità e comodità vincono sempre!

Mariagrazia Tarantino

wedding planner

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

, ,

Le attitudini e i requisiti del wedding planner



Se il titolo di questo post ha attirato la tua attenzione significa che stai pensando di intraprendere l’attività del wedding planner e desideri capire se hai le competenze giuste e le attitudini personali adatte.

In realtà l’elenco schematico che ti riporto di seguito si riferisce al “minimo sindacabile” richiesto e assolutamente indispensabile. Utilizza questo schema per scegliere il corso di formazione più adatto a te ( un buon corso base deve toccare almeno tutti questi punti nel programma ) partendo da ciò che ti manca o vuoi approfondire in ordine di importanza.

Da qualche anno, fortunatamente sono nati anche i corsi di formazione certificati che ti consentono di iscriverti ad un elenco professionale di categoria.

Infine prima di lasciarti alla lettura dell’elenco mi permetto di suggerirti di prestare la massima attenzione nella scelta della formazione: il wedding planner è un imprenditore e professionista. Affronta il percorso di crescita con questa idea: un professionista serio e preparato non si improvvisa mai e continua a informarsi per essere sempre pronto e concorrenziale. Non risparmiare sulla formazione a meno che tu non abbia voglia di buttare via tempo e denaro per poi dare colpa ad una categoria, che lavora sodo, senza sosta e che, come leggerai, ha un elenco smisurato di competenze e attitudini.

Conoscenze e competenze professionali generali:

  • Amministrazione, contabilità e procedure di avviamento attività;
  • Gestione attività amministrativa e commerciale;
  • Burocrazia ed aspetti legali di contrattualistica dell’attività;
  • Comunicazione aziendale; Web marketing, regole base per promuovere la propria azienda;
  • Tecniche di vendita e tecniche di relazione con il cliente;
  • PNL cenni generali di Programmazione Neuro Linguistica;
  • Gestione della  Legge sulla Privacy aziendale con obblighi applicabili alla PMI;
  • Titolo di studio minimo: diploma di scuola superiore; 

Conoscenze e competenze professionali specifiche:

  • Contrattualistica e burocrazia del Matrimonio in Italia;
  • Riti civili e religiosi Italiani;
  • Il matrimonio figurativo;
  • Galateo del Matrimonio;
  • Pianificazione della logistica del Matrimonio e project management;
  • Trasporto: auto sposi e trasporto osptiti a noleggio su strada, natante, aereo;
  • Gestione ricevimento ospiti in strutture alberghiere;
  • Progettazione  lay-out e display scenografico dell’evento;
  • Regia dell’evento;
  • Coordinamento dell’allestimento e competenze del wedding designer;
  • Banqueting e Catering, gestione e progettazione;
  • Floral design: conoscenza della stagionalità, valore commerciale e applicazione;
  • Musica per l’evento del matrimonio: conoscenza tipologia musiche per cerimonia e ricevimento;
  • Fotografia nell’evento matrimonio: tipologie, contrattualistica, tipi di album, video;
  • Image Consulting: immagine e comunicazione, regole principali dell’abbigliamento e trucco ;
  • Tessile, cenni generali sui tessuti più usati nell’evento matrimonio;
  • Lighting Design: cenni sull’utilizzo dei supporti di illuminazione per evento matrimonio;
  • Destination Wedding: sviluppi e tendenze dei matrimoni di italiani all’estero e di stranieri in Italia;
  • Wedding day Coordinator: gestione risorse umane, collaboratori, timing;
  • Gestione servizi accessori: animazione bambini, wedding dog sitter,… 

Attitudini e conoscenze  personali:

  •  Capacità di comunicazione verbale;
  •  Comprensione e attitudine ad entrare in sintonia con il cliente;
  •  Capacità di gestione del team;
  •  Problem solving;
  •  Desiderio di crescita professionale costante;
  • Pianificazione e gestione dell’evento;
  • Creatività  applicata;
  • Capacità di gestire la propria immagine personale;
  • Etiquette, business etiquette e netiquette;
  • Gestione dello stress personale e del cliente; 

Tenuto conto che tutto quanto sopra descritto si riferisce ad un elenco minimo dei requisiti professionali richiesti ritengo che, la professione del Wedding Planner, che ho l’onore di esercitare, sia una delle piu’ complesse dal punto di vista formativo e personale.

La complessità non è però sinonimo di impossibilità; ciò che rende effettivamente possibile e completa questa figura sostanzialmente e:

– costante e  specifica formazione professionale;

– desiderio di  crescere e migliorare;

– entusiasmo;

– positività;

– umiltà.

Per la formazione la parola d’ordine è  INIZIA : un corso base, un approfondimento tematico sul matrimonio, dai tessuti, dai fiori, dalla fotografia…inizia a formarti  e rifletti sulle tue attitudini personali, migliorando  le tue capacità naturali e limando i difetti.

 wedding-planner-awp_650x447

Ti auguro buona formazione e buon lavoro!

Mariagrazia Tarantino

wedding planner

,

Sposarsi fra le vigne, un sogno semplice e unico

Oggi vi parlo di una location unica nella sua semplicità .

br_052-350x275

Una tenuta immersa fra i boschi e i vigneti della Brianza, dove sposarsi significa immergersi fra i profumi del rosmarino, della lavanda e delle vigne ed emozionarsi nel silenzio del Parco Naturale del Curone.

Sposarsi alla Tenuta Valcurone è un sogno che diventa realtà .

Il valore della Terra diventa un tutt’uno di classe e armonia con la cucina seguita e curata da professionisti qualificati e appassionati.

zd_valcurone_matrimoni_aperitivo_br_017-1200x440

I vostri ospiti saranno coccolati  con un’esperienza eno-gastronomica davvero unica, infatti Tenuta Valcurone produce direttamente le etichette di alta qualità e di forte impronta territoriale e coltiva nei suoi orti tutti gli elementi vegetali presenti nel vostro menù. Altissima qualità, cura dei particolari e km zero.

br_022-350x275 br_029-350x275

Il design del vostro evento sarà curato in ogni dettaglio  da uno staff preparato guidato da maitre e da responsabili della cucina oltre che dalla presenza di un direttore creativo a Vostra completa disposizione.

zd_valcurone_matrimoni_tagliotorta_br_004-1200x440

Prossimamente pubblichero’ le immagini del primo open day dedicato agli sposi 2017. Seguitemi e scrivetemi per ricevere anche in omaggio l’agenda da personalizzare . “ L Agenda del mio Matrimonio”.

Mariagrazia Tarantino

wedding planner

Salva

, ,

Emozionati con il first look

@shortpost @weddingincapsule

Arriva dall’america, e va contro tendenza, o meglio contro la tradizione che vieta alle coppie di vedersi prima dell’inizio della cerimonia: è il” First look”, il primo incontro.

Queste coppie scelgono di incontrarsi, da soli o in presenza dei testimoni,qualche minuto prima della cerimonia, pronti e raggianti nei loro abiti, per due motivi:
– sentirsi liberi di vivere questa grande emozione;
– poter immortalare il momento con tante foto speciali dedicate solo a loro ed evitare di allontanarsi dagli invitati dopo la cerimonia.

Ovviamente si tratta di una  scelta che spetta solo ed esclusivamente a voi sposi, perchè deve corrispondere  al  desiderio di trascorrere del tempo prima del Sì, lontano da tutti.
Se preferisci attenerti alla regola del Bon ton o della tradizione, il servizio fotografico dovrà seguire il consueto timing .

Se invece hai voglia di vivere un’emozione unica e intensa con il tuo compagno prima della Cerimonia, guardandovi negli occhi ed esprimendo anche tacitamente le vostre promesse ognuno in presenza del testimone più importante, puoi prevedere 15/20 minuti  davvero speciali.

Puoi organizzare il first look con il fotografo, in questa occasione il tuo gancio,  che ti  farà trovare lo sposo ad attenderti, in un determinato punto.Puoi invitare la/le damgelle oppure i vostri migliori amici e vivere insieme questo momento molto emozionante!

Le foto, in futuro, vi ricorderanno questo fantastico istante  e sarete felici di aver, per una volta  trascurato il bon ton! ( solo per una volta, ovviamente ………;) )

Ti auguro felice first look con una serie di immagini tratte dal web.

first-look2 first-look2b

 

firstlook3 firstlook3b

 

firstlook5 firstlook5b

firstlook6

firstlook7

first-look-1

Mariagrazia Tarantino

wedding planner

Salva

Salva